30/04/21

Piano Shock Infrastrutture

Un piano per le infrastrutture complesso e articolato, che si è evoluto nel tempo e che, in parte, è già divenuto realtà: Italia Shock sta contribuendo a cambiare il futuro del Paese.




Scarica qui il pdf
con l'evoluzione del nostro Piano Shock dal 2019 al 2021.

Italia Shock: si parte!

Lanciata nel novembre del 2019, Italia Shock è la proposta di Italia Viva per sbloccare i cantieri, realizzare le infrastrutture, garantire la messa in sicurezza di città e territori, contribuendo così a creare nuove opportunità di lavoro. Finalmente, dopo mesi di pressioni, il 4 Settembre 2020, con il Decreto Semplificazione, una prima parte di Italia Shock diventa legge. Si delinea una prima lista di opere prioritarie. Caduto il Governo Conte II, ad aprile 2021, il nuovo ministro delle Infrastrutture e della Mobilità Sostenibili Enrico Giovannini annuncia la nomina di 29 commissari per sbloccare le prime 57 opere.

Italia Shock: il Piano del Governo 


Il primo passo per l’attuazione di Italia Shock è la nomina di 29 commissari per sbloccare le prime 57 opere. Si tratta di infrastrutture stradali, ferroviarie e portuali, 16 opere idriche, 12 caserme e una infrastruttura metropolitana, i cui lavori sono rimasti bloccati per ritardi e complessità delle procedure.

Italia Shock: il nostro impegno continua

Adesso abbiamo 2000 giorni, da oggi al 2026, per spendere al meglio i fondi del New Generation UE: il Recovery Plan è un’occasione enorme per l’Italia, in termini di risorse, capacità di visione e rilancio di occupazione e economia. Non sprechiamola. Definiamo un Decreto Semplificazioni II, per sbloccare un numero almeno doppio di opere e di risorse, grazie a semplificazione e commissari, mettendo anche a valore suggerimenti e proposte dai territori. Mettiamo al centro semplificazione e sburocratizzazione, assicuriamo al Paese infrastrutture moderne ed efficaci, definiamo un piano per i Trasporti, in particolare il Trasporto Pubblico Locale, per facilitare e velocizzare gli spostamenti sui territori.

Italia Shock: i commissari, le procedure

Le opere selezionate sono progetti già avviati, caratterizzati da un’elevata complessità a livello progettuale, esecutivo o nelle procedure. Inoltre, sono stati selezionati i progetti che hanno un potenziale maggiore impatto in termini di ricaduta sul tessuto socioeconomico del Paese.

Italia Shock: le risorse

L'investimento previsto per le prime 57 opere pubbliche è di 82,7 miliardi di euro, di cui 36,3 miliardi nel Mezzogiorno. Le opere selezionate sono già finanziate per 33 miliardi di euro. La restante parte del finanziamento proverrà da risorse nazionali e europee, compreso il Recovery Fund.

Italia Shock: le ricadute sul lavoro

 

Secondo le stime del Governo, nei prossimi dieci anni lo sblocco di queste opere garantirà una media di quasi 70mila nuovi posti di lavoro all’anno, con un picco di oltre 100mila nel 2025. Il modello di sviluppo delle infrastrutture del nostro Paese è uno dei grandi temi dei prossimi anni. Se ripartono i cantieri, ripartono lavoro ed economia. Così l’Italia torna a crescere.

Italia Shock: sui territori

Queste sono le opere di Italia Shock sbloccate dal Governo, che si è impegnato a selezionare un secondo elenco di opere da inserire in un secondo Decreto Semplificazioni entro maggio.

Se ripartono i cantieri, ripartono lavoro ed economia.
Così l’Italia torna a crescere.

Scarica qui il pdf
con l'evoluzione del nostro Piano Shock dal 2019 al 2021.