Infrastrutture trasporti

Visita della Commissione Trasporti in Sicilia, Paita: "Progetti validi e realizzabili entro il 2026"

La notizia pubblicata dal "Giornale di Sicilia", "la Sicilia" e altri quotidiani, 11 febbraio 2021.

Dall'Unione Europea sono arrivati 350 milioni per i porti siciliani. E 195, provenienti dal Pnrr, sono destinati ai porti della Sicilia occidentale e del Sistema, in città, a Termini Imerese, Trapani e Porto Empedocle. Lo annuncia la IX Commissione della Camera (Trasporti, poste e telecomunicazioni), scesa in città per verificare la qualità dei lavori portati avanti dall'Autorità portuale di sistema del mare per la Sicilia occidentale, presieduta da Pasqualino Monti.

Diverse le opportunità di arricchimento delle infrastrutture portuali e dei trasporti, come l'alta velocità, finanziate dal piano nazionale di ripresa e resilienza, appunto il Pnrr. La delegazione era composta dalla presidente Raffaella Paita e da alcuni deputati fra i quali Francesco Scoma di Iv.

«La nostra presenza qui - dice il presidente Paita - lancia due messaggi positivi ovvero la fiducia del governo nei confronti della Sicilia ma soprattutto la presenza di progetti validi e realizzabili entro il 2026, in attesa di essere sovvenzionati». E continua soffermandosi sui pro dei nuovi interventi e sulle opportunità future perla città: «Fondamentale la creazione di nuovo ordine nel settore crocieristico, lo sviluppo della cantieristica portata avanti da Fincantieri, ma soprattutto ciò che darà un forte impulso all'economia sarà l'incremento dei traffici commerciali. Ed è stato proprio grazie all'intervento del governo che si sono create le condizioni perché questo potesse avvenire, ovvero lo snellimento della pesante macchina burocratica con la creazione di decreti ad hoc».

Durante il sopralluogo della commissione Trasporti della Camera, guidata da Raffaella Paita, ai cantieri del porto di Palermo, il presidente dell`Autorità di sistema portuale, Pasqualino Monti, ha annunciato che «oltre ai 155 milioni destinati al rilancio della cantieristica navale nel porto di Palermo e alla realizzazione del sistema di interfaccia porto-città - lavori per cui sono stato nominato commissario dal presidente Mario Draghi - dal "Pnrr" sono arrivati ulteriori 195 milioni per il cold ironing - il processo che permette lo spegnimento dei motori navali durante l'ormeggio in porto, senza però far venir meno l'erogazione di energia richiesta da essa - in tutti e quattro i porti della Sicilia occidentale (Palermo, Termini Imerese, Trapani e Porto Empedocle); per il consolidamento, a Palermo, delle banchine Sud dei moli Piave e Santa Lucia e l`adeguamento statico della banchina Vittorio Veneto; per il consolidamento del molo sopraflutto all`Acquasanta e il completamento del molo foraneo nel porto dell`Arenella. A Trapani, i fondi sono destinati al dragaggio dell`avamporto e delle aree a ponente dello sporgente Ronciglio».

La IX Commissione Trasporti, Poste e Telecomunicazioni ieri ha visitato inoltre i porti di Augusta e Catania. Il commissario straordinario dell'Autorità di sistema portuale, Alberto Chiovelli ha illustrato le attività svolte nel recente periodo di commissariamento ed i principali progetti infrastrutturali dell'Ente in corso e futuri, inerenti gli scali di Augusta e Catania. Ha evidenziato, in particolare, la rilevanza dell'intervento relativo al collegamento ferroviario del porto di Augusta e la conseguente necessità di procedere celermente agli adempimenti progettuali oggi affidati a Rfi. Durante l'incontro con la commissione presieduta da Raffaella Paita, è stato inoltre affrontato il tema della bonifica della rada di Augusta.