territori donne cultura

Violenza sulle donne, Sbrollini: "Oltre alle buone leggi ci vuole una forte operazione educativa e culturale"

L'intervento pubblicato da "il Giornale di Vicenza", 26 novembre 2021.

“Le statistiche ci dicono che muore una donna ogni 72 ore, un triste record che vede casi ancor più drammatici come gli ultimi episodi dove abbiamo avuto 3 femminicidi nello stesso giorno. Un grande ringraziamento va ai centri anti-violenza come quello di Vicenza dove vengono accolte donne anche con figli. Abbiamo leggi all’avanguardia, le pene sono state aumentate, eppure servono risposte ancora più efficaci”. Così la senatrice di IV Daniela Sbrollini, assieme a Marilisa Munari, Francesca Carli, Giovanna Franchin e Carlotta Belloni, nella conferenza stampa tenuta in occasione della Giornata internazionale contro la violenza sulle donne.

La violenza sta dilagando in ogni mondo, dalla politica al giornalismo, ultima la vignetta uscita qualche giorno fa sul Fatto Quotidiano. Le misure che il Governo ha attuato sono il reddito di libertà e microcredito di libertà che vanno ad aiutare, sia dal punto di vista economico sia quello della formazione, le donne che escono da esperienze di violenza. Come Italia Viva abbiamo lanciato una mozione che i consiglieri comunali possono presentare nei Consigli Comunali sull’educazione finanziaria per il contrasto alla violenza sulle donne", ha sottolineato Sbrollini.

"Importante il lavoro che 5 ministre - Bonetti, Lamorgese, Cartabia, Gelmini, Carfagna - stanno facendo per riscrivere le norme sul femminicidio. L’obiettivo è chiudere in una settimana un nuovo pacchetto normativo che comprenderà provvedimenti di fermo più efficaci per gli autori delle violenze di genere, una sorta di scorta per le donne che hanno denunciato e nuovi aiuti economici che potenzieranno o affiancheranno il reddito di libertà già in vigore”, ha concluso Sbrollini.