lavoro territori

Vertenza Sanac, Ferri: "Non si usi il caso per cercare consenso"

L'intervento pubblicato da "la Nazione", 8 ottobre 2021. 

Si infiamma il dibattito politico intorno alla Sanac, dopo che mercoledì i lavoratori hanno sfilato per le strade di Massa e bloccato il traffico in segno di protesta contro l'immobilismo del governo. A intervenire sul rischio della cassa integrazione e della chiusura di alcuni stabilimenti il deputato Cosimo Maria Ferri, di Italia Viva, componente della Commissione Giustizia della Camera.

"L'onorevole Nardi non la butti nello scontro politico - scrive Ferri, in risposta alla parlamentare dem - anche nel rispetto di un ruolo istituzionale (presidente della commissione delle attività produttive) che ricopre. Proprio per quel suo ruolo noi potremmo rivolgere le stesse accuse che ha indirizzato al Ministro Giorgetti. Non lo faccio perché a me interessa trovare una soluzione. Occorre anche in politica onestà intellettuale nel ricostruire le questioni. Anche ieri sono intervenuto in Parlamento sulla Sanac e ho detto chiaramente che sta perdendo tutta la politica e aggiungo ora i nomi: Giorgetti, Di Maio, Patuanelli, Orlando, Nardi, Riccia rdi, Ferri etc. Tutti! Iniziando ovviamente da chi ha responsabilità dirette".

"Non trasformiamo un tema difficile, preoccupante per tanti lavoratori e famiglie e per diversi territori in una questione politica o nella ricerca di consenso. Si affronti con serietà il problema. Tra l'altro il ministro Giorgetti ha lasciato la delega alla sottosegretaria Todde in continuità con il precedente ministro Patuanelli. Quello che racconta la Nardi era un segreto? È sempre stata anche una mia richiesta ma purtroppo non è mai arrivata una risposta così positiva. lo seguo da tempo la vicenda e purtroppo non ho avuto mai risposte positive né da Di Maio , né da Patuanelli che non hanno mai risolto la questione", conclude Ferri.