territori elezioni 2022

Un grande grazie a Matteo Colaninno dai Giovani Iv di Mantova

L'intervento pubblicato da "la Gazzetta di Mantova", 10 agosto 2022. 

In questa afosa estate segnata da una crisi di governo irrazionale e da una campagna elettorale imminente non possiamo esimerci dal ringraziare l'On. Matteo Colaninno per il suo operato. Non spetta a noi entrare nel merito delle motivazioni che lo hanno spinto a non ricandidarsi poiché siamo certi si tratti di una scelta meditata come da dichiarazioni dello stesso deputato mantovano riportate da questo quotidiano il 6 agosto scorso.

In questa sede, tuttavia, ci teniamo ad evidenziare come l'attività parlamentare dell'On. Colaninno si sia contraddistinta per serietà, capacità e concretezza delle sue azioni. Ciò lo diciamo per fierezza e consapevolezza per i frutti delle iniziative da lui intraprese lungo il suo percorso parlamentare riscontrabili su tutto il territorio mantovano, e valgano quale esempio il salvamento di Palazzo Ducale dalla retrocessione museale, l'intervento risolutivo circa le questioni Burgo e Corneliani, il collegamento ferroviario Mantova-Roma, il raddoppio della linea ferroviaria Mantova-Milano.

Da ultimo ci teniamo a sottolineare la decisiva collaborazione con la Ministra Elena Bonetti per il fattivo interessamento volto a fronteggiare il post grandinata (2021) nella bassa mantovana.

La pacatezza, la moderazione, il rispetto delle e per le istituzioni, la lettura dei "tempi nuovi che si annunciano" sono tratti distintivi della figura dell'On. Colaninno che si offrono quale accompagnamento per noi giovani nell'approccio alla politica con l'intendimento di offrire competenza, capacità e determinazione volti al bene unico ed esclusivo della res publica.

Il periodo frenetico che stiamo vivendo ci induce a formulare alcune considerazioni. In questa fase la politica tutta dovrebbe esprimere idee, programmi, proposte anziché impantanarsi in teatrini sterili e rancorosi. Ne sono esempio la ricerca spasmodica dei seggi e il compimento di alleanze congeniali a fini esclusivamente elettorali, che riducono la politica ad una mera formula matematica del do ut des minandone così la credibilità. Noi di Italia Viva siamo certi di poter rappresentare concretamente un'alternativa per il Paese rispetto all'evergreen e semplicistica divisione centro-destra/centro-sinistra.

Molti amici ci hanno contattati in queste settimane per sottoporci le loro preoccupazioni sul futuro del Paese, avvertendo la necessità di perseverare nel percorso intrapreso quale la realizzazione del Terzo Polo in cui noi crediamo convintamente. Lo diciamo dal lato di chi ha dato "vita" legislativa a quelle istanze che aspettavano una concretezza ormai da decenni. Auspichiamo convintamente che la prossima composizione del Parlamento italiano possa dotarsi in maniera significativa di chi fa della capacità e competenza il proprio biglietto da visita e non di chi urla slogan da quattro soldi o invoca consociativismi puramente elettorali.

I tempi sono ormai maturi per pretendere da chi ci rappresenta quel senso di "responsabilità", che ha connotato per tre legislature l'operato dell'On. Colaninno.