02/09/20
territori

Toscana, Lucca: Luigi Lo Faro aderisce a Italia Viva

La notizia su "il Tirreno", 2 settembre 2020.

Esce dal Pd e confluisce in Italia Viva Luigi Lo Faro, componente della segreteria territoriale Pd di Lucca.L'annuncio arriva con una lettera aperta dello stesso Lo Faro. «Restituisco la tessera del partito e mi dimetto dalla segreteria territoriale - spiega -.Questa decisione, a lungo meditata e non priva di dispiacere, è conseguenza degli ultimi avvenimenti avvenuti sulle candidature per le elezioni del consiglio regionale toscano».

Lo Faro rivendica «la totale mancanza di discussione su queste candidature, sia a livello di circoli che di segreteria territoriale, sui nomi, sulle caratteristiche degli aspiranti candidati prima della nomina in lista. La mancanza di democrazia nel Pd lucchese». La lista dei candidati, ricostruisce, «è nata fuori dalla direzione e dalla segreteria del partito e come tanti componenti la segreteria, ho saputo dalla stampa i nomi e i percorsi che gli aspiranti candidati hanno singolarmente seguito, senza mai coinvolgere gli organi del partito. La mia decisione non è legata alla esclusione dell'ex assessore regionale Remaschi, dalla lista, anche se questo è un ennesimo brutto episodio di guerra a una persona e non una questione politica. Le candidature non sono state vagliate dagli organi del partito, sono state corse individuali che hanno messo il partito di fronte a fatti compiuti».

«Al segretario territoriale Puppa, in pieno conflitto di interesse con il ruolo di candidato è stato richiesto di dimettersi, ma ha rifiutato le dimissioni e ha dichiarato che si sarebbe astenuto dal ruolo, ma così non è stato.La segreteria aveva nominato quattro reggenti, ma all'ultima direzione territoriale, Puppa firma ancora il verbale come segretario territoriale e non lo poteva più fare», spiega Lo Faro.

«Altri episodi potrei elencare - chiude Lo Faro -, sono rimasto fino a oggi sperando che il clima potesse migliorare. Per questo, da volontario della politica, ho deciso di lasciare il Pd e mettermi a disposizione di Italia Viva dove spero di trovare quel clima di chiarezza, confronto e democrazia che non ho trovato nel Pd lucchese».