territori

Toccafondi: "Più servizi e via alle infrastrutture"

L'intervento pubblicato da "La Nazione - Firenze", 27 agosto 2022.

Sottosegretario all`Istruzione per cinque anni con i governi Letta, Renzi e Gentiloni «Il terzo polo è l`alternativa»


Cinque anni da sottosegretario all`istruzione con i governi Letta, Renzi e Gentiloni. Gabriele Toccafondi è candidato con Italia Viva dopo aver corso da sindaco di Sesto Fiorentino.

Pensa che sia un`idea vincente far correre il centro staccato dal centrosnistra?
«Il sistema elettorale per un terzo è uninominale e per due terzi proporzionale, chi non vuole votare populisti o sovranisti, ha una possibilità, il terzo polo, Italia viva e Azione. Siamo alternativi anche al Pd perché ha smarrito la strada, ha abbandonato i riformisti e i moderati scegliendola sinistra che ha votato sempre contro Draghi e Di Maio, quello del "mai con il Pd, mai con il partito di Bibbiano"».

Lei ha una lunga esperienza da sottosegretario, crede che i nostri territori siano ben rappresentati in parlamento?
«In questi anni ho sempre cercato di rispondere ai territori, a Firenze e a chi chiedeva. La politica si deve fare cosi. Avrei anche continuato a farlo per i mesi di legislatura che rimanevano: ero molto contento di sostenere un governo serio come quello di Mario Draghi. Poi improvvisamente è successo quello che sappiamo».

Di quali mali soffrono i territori che rappresenta e che dovrebbero essere subito affrontati?
«Un territorio che racchiude 28 comuni differenti tra loro ma tutti con una vocazione al lavoro, al turismo, all`impresa. Hanno bisogno di risposte chiare e certe, vorrei capire la posizione della sinistra su aeroporto, alta velocità, sistema dei rifiuti, turismo, tramvie. Noi su tutto questo abbiamo idee molto chiare, e non strizziamo l`occhio né ai populisti né ai sovranisti. Alla Toscana e a tutti questi comuni, servono infrastrutture, un piano rifiuti con impianti, tramvie e servizi pubblici che funzionano».