territori suppletive Siena

Suppletive a Siena, Scaramelli: "Letta prenda casa a Siena per due mesi"

L'intervista pubblicata da "la Nazione", 30 luglio 2021.

Stefano Scaramelli, vicepresidente del consiglio regionale ed esponente senese di Italia Viva, parla della vicenda della candidatura di Enrico Letta al collegio della Camera. «Ho rappresentato le mie idee, convinto ieri come oggi - racconta Scaramelli - che il territorio dovesse essere rappresentato. Ma so stare in una squadra e ho condiviso con il mio leader nazionale una scelta sofferta ma giusta. Prima del nostro destino, a noi interessa quello del Paese e del Governo Draghi».

Ha temuto che potesse saltare la maggioranza che regge la giunta toscana?
«Mai avuto il dubbio che si rompesse in Regione. Abbiamo assunto con gli elettori della Toscana un impegno a sostenere il presidente Giani per 5 anni e lo manterremo. Siamo nel governo della Regione da protagonisti e non da spettatori».

Però a Chiusi, la sua città, Italia Viva e Pd hanno due candidati a sindaco.
«Il nostro percorso è trasparente. Abbiamo consultato la società civile e individuato una figura civica, di alto profilo, l'avvocato Massimo Barbanera. Si tratta di una candidatura a disposizione di Chiusi per un grande progetto civico, come quello che avevo auspicato a suo tempo per Siena. Non vorrei che il Pd, chiudendosi in se stesso, spalanchi le porte della città alle destre».

È convinto che lv sia decisiva per far vincere Letta?
«Nelle elezioni sono sempre decisivi i cittadini e le scelte che faranno. Assieme alla capacità dei candidati di farsi ascoltare dal territorio».

Qual è il peso elettorale di lv nel collegio?
«Ha raccolto il 7%, circa 8mila voti, determinanti per la vittoria di Giani in Toscana. Abbiamo un radicamento importante nel territorio, anche se le suppletive sono una partita differente».

I 5 Stelle convinceranno i loro elettori senesi a votare Letta?
«Non credo che i grillini siano presenti nel territorio, che abbiano capacità di aggregazione e mobilitazione. Potranno essere determinanti per Letta, bisognerà vedere che decisione prenderanno. Non li considero una forza politica nel campo del centrosinistra plurale. Dove il Pd è andato a braccetto con i 5Stelle, alla fine ha perso».

Cosa consiglierà a Letta per vincere le elezioni?
«La partita è molto aperta, se mi fossi candidato io o un altro per Italia Viva, non avrebbe avuto nessuna possibilità di vincere. Ora se la può giocare. lo gli consiglio di prendere una casa in affitto a Siena per 45 giorni e girare il collegio Comune per Comune. Dovrà essere presente per conoscere il territorio».