22/06/21
enti locali istituzioni

Sorbolo Mezzani, Scalfarotto in visita ai quartieri confiscati alla 'ndrangheta

La notizia sulla "Gazzetta di Parma", 22 giugno 2021.

Dopo la visita della ministra dell'Interno Luciana Lamorgese avvenuta a luglio del 2020, ha fatto tappa ieri a Sorbolo nei quartieri confiscati alla 'ndrangheta il sottosegretario di Stato al ministero dell'Interno Ivan Scalfarotto. La visita ai comparti urbanistici sequestrali nell'ambito dell'operazione Aemilia nel febbraio 2015, si è svolta in concomitanza con l'annuncio dell'uscita del bando di concessione in sub-comodato di cinque alloggi in via Montefiorino - in questi mesi rimessi a nuovo dal Comune di Sorbolo Mezzani e dal contributo di tanti volontari - per finalità connesse alla pandemia.

Infatti, l'assegnazione in oggetto è rivolta a nuclei familiari, con un limite di Isee ordinario o corrente fino a 15 mila euro, che siano in grado di documentare la perdita o la diminuzione rilevante del reddito causate dall'impatto del Covid-19 nell`ambito lavorativo. Al tempo stesso, il sottosegretario Scalfarotto - accolto dal sindaco Nicola Cesari e dalle assessore Cristina Valenti e Sandra Boriani, oltre che dal Prefetto di Parma Antonio Lucio Garufi, dai rappresentanti delle forze dell'ordine e dai presidi di «Libera» di Sorbolo e Parma -, ha potuto apprendere che il comune ha recentemente escusso per il quartiere di via Torino (dove sono presenti una ventina di appartamenti) la fideiussione assicurativa prevista nella concessione e che consentirà di dare seguito al completamento delle opere di urbanizzazione incompiute.

«Questa visita - ha concluso Scalfarotto - assume una valenza importante, in quanto ricorda a tutti che i fenomeni mafiosi non sono circoscritti unicamente al mezzogiorno, ma sono presenti anche nel nord ricco e industrializzato. Celebriamo anche i 25 anni dall`approvazione della legge sui beni e gli immobili confiscati alle mafie, nata dall`intuizione di Pio La Torre e don Luigi Ciotti: ci ha fatto guardare il fenomeno mafioso anche dal punto di vista della restituzione per finalità sociali di beni che le mafie hanno tolto alla cittadinanza».