Europa Europarlamento

Sophie in 't Veld: "Regole di bilancio flessibili, con un progetto condiviso"

Estratto dell'intervista di Gabriele Rosana, "il Messaggero", 3 giugno 2021.

Un Recovery Plan permanente? «Prima di pensare a un nuovo piano di spesa occupiamoci di usare bene i fondi dell'attuale. È prematuro ma non lo escludo. Le prime tranche arriveranno in estate». L'olandese Sophie in't Veld è una veterana delle aule del Parlamento europeo: al quarto mandato consecutivo, è fra le più attive deputate del gruppo liberal-democratico Renew Europe (il terzo dell'Aula, dove siedono anche macroniani e Italia Viva).

All'Eurocamera è capo-delegazione di D66, formazione progressista che alle politiche di marzo nei Paesi Bassi ha aumentato i consensi e adesso lavora a un nuovo governo di coalizione insieme al partito del premier Mark Rutte, capofila del fronte dei frugali europei. Sulla riforma del Patto di stabilità apre, ma mette le mani avanti: occorre «non abbandonare la disciplina dei conti pubblici».

In un'intervista con Il Messaggero, il presidente del Parlamento europeo David Sassoli ha detto che serve un Fondo per la ripresa permanente. È d'accordo?
«È prematuro parlare adesso di un secondo Recovery. Non abbiamo neppure cominciato a usare il primo. Per la ripresa non basta pensare che i problemi si risolvano soltanto mettendo più soldi. La crisi ha mostrato le debolezze strutturali delle nostre società e delle nostre economie. Al tempo stesso, le misure di sostegno hanno attutito il colpo delle restrizioni anti-Covid, e - per così dire - nascosto alla vista alcune fragilità. Non possiamo tornare allo status quo; occorre attuare le riforme e sfruttare quest'occasione d'oro per fare un grande salto in avanti e rinnovare completamente le nostre economie e società, rendendole più forti, dinamiche, competitive, giuste ed eque».

Due giorni fa la Commissione ha annunciato l'emissione delle prime obbligazioni per finanziare il Recovery. I bond comuni potranno diventare un elemento portante della politica fiscale Ue?
«Sì, credo che gli Eurobond possano diventare una caratteristica strutturale, ma proviamo a imparare a camminare prima di pensare a correre. Abbiamo di fronte a noi una strada molto lunga prima di potere uscire dalla crisi: adesso concentriamoci su ciò che occorre fare nel futuro immediato».

Nelle prossime settimane l'Ue darà l'ok ai primi Pnrr. Vede rischi all'orizzonte?
«Certo, penso che ci sia il rischio concreto che alcuni Stati membri cerchino di usare i fondi per ripagare vecchi problemi, anziché investire in nuove opportunità. Ma questo è il motivo per cui abbiamo stabilito criteri chiari e tutti i Piani nazionali saranno esaminati da vicino».

Chi lo desidera può leggere l'intervista completa a questo indirizzo.