Scuola Governo

Scuola, Sbrollini e Toccafondi: "Bene il Governo sull'esame di maturità"

L'intervento dei parlamentari di Italia Viva, su "la Sicilia" e altri quotidiani.

"Gli esami di Stato del I e II ciclo rappresentano un passaggio educativo importante: non possiamo che esprimere soddisfazione dunque per la conferma dell'esame e per la decisione di lasciare spazio - anche per le superiori - alle singole scuole e ai consigli di classe". Lo dichiarano Gabriele Toccafondi e Daniela Sbrollini, capigruppo di Italia Viva in Commissione Cultura alla Camera e al Senato.

"Dopo un anno non semplice - spiegano - i ragazzi hanno bisogno di normalità e non di altro: nessuno utilizzi gli studenti e le scuole per alimentare tensioni che poco hanno a che fare con i problemi scolastici. Le scelte del ministro vanno nella direzione di riportare progressivamente la cosiddetta maturità nell'impianto della riforma del 2017. La seconda prova, quella di indirizzo, viene decisa in autonomia da ogni singola scuola attraverso il consiglio di classe. Saranno i docenti che hanno seguito i ragazzi in questi anni, a decidere la prova: l'auspicio è che questa venga calibrata su quanto effettivamente svolto nel periodo pandemico. La decisione del governo ci sembra di assoluta serietà ma soprattutto di buonsenso. Non comprendiamo quindi le proteste di parte del mondo politico e associativo. Chi ha suggerimenti per migliorare gli esami li avanzi, chi vuole strumentalizzare ragazzi e docenti lasci perdere: non bisogna lucrare un po' visibilità, ma di pensare al bene e al benessere di studenti e professionisti della scuola".

"È tempo che questo paese si confronti seriamente su cosa chiede e vuole dalla scuola, che, sarà bene ricordarlo, è fatta per la crescita dei ragazzi", concludono Sbrollini e Toccafondi.