Scuola sanità

Scuola e Green Pass, Toccafondi: "Chiarezza dal Tar del Lazio. Stop alle polemiche"

L'intervento pubblicato da "Avvenire", 3 settembre 2021.

La mancata retribuzione «è correttamente giustificabile» per il personale scolastico non esiste il «diritto assoluto» a non vaccinarsi e, di conseguenza, chi non si sottoporrà alla profilassi non potrà più lavorare. Lo scrivono i giudici del Tar del Lazio nei decreti, depositati ieri, con cui hanno respinto le istanze di alcuni operatori della scuola che chiedevano di sospendere tutti i provvedimenti del ministero dell'Istruzione che hanno introdotto l'obbligatorietà, dal l° settembre, del Green Pass. Non solo. I giudici amministrativi ricordano anche che «l`automatica sospensione dal lavoro e dalla retribuzione e la mancata adibizione ad altre e diverse mansioni», a carico dei non vaccinati, «è correttamente e razionalmente giustificabile alla luce della tipicità delle mansioni, specie di quello docente».

"La decisione del Tar del Lazio che conferma la legittimità della sospensione automatica dei docenti privi di green pass fa chiarezza una volta per tutte: ora si lascino da parte le polemiche, gli ulteriori ricorsi, le manifestazioni contro le vaccinazioni, e si prepari il ritorno in classe degli studenti”. Lo dichiara Gabriele Toccafondi, capogruppo di Italia Viva in Commissione Cultura alla Camera, a proposito dei decreti monocratici depositati oggi dal Tar del Lazio.

“Si tratta di una condizione fondamentale per evitare il ritorno alla Dad. Mi auguro che nessuno voglia un’altra catastrofe educativa”, conclude Toccafondi.