23/04/20
economia territori

Scaramelli: "Su Mps ha ragione De Mossi"

intervista di Alessandro Lorenzini, Corriere di Siena, 23 aprile 2020.

Quello che politicamente non ti aspetti: a sparigliare le carte è Stefano Scaramelli, consigliere regionale di Italia Viva (ex Pd) e presidente della commissione sanità che sulla richiesta di azione risarcitoria da parte della Fondazione Mps nei riguardi della banca, è d'accordo con il sindaco di Siena Luigi De Mossi, nonostante la differente appartenenza politica. "È corretto e doveroso che la Fondazione intraprenda un'azione risarcitoria al cospetto di Banca Mps" dice Scaramelli.

Dunque è d'accordo con il sindaco De Mossi?
"Sì o forse è più giusto dire che De Mossi è d'accordo con me. Porto avanti questa tesi da cinque anni e vorrei ricordare che sono stato uno dei pochi contrari agli aumenti di capitale (quelli dal 2008 al 2011 che hanno determinato l'impoverimento della Fondazione Mps, ndr). Fa piacere che su queste posizioni ci sia anche De Mossi. Non sono geloso, importante è centrare l'obiettivo".

Quale è il suo giudizio su una governance della Fondazione nominata prima delle elezioni dell'attuale sindaco, nel 2018?
"Come Regione Toscana abbiamo condiviso la scelta di Carlo Rossi presidente, è una persona che stimo e si è mosso bene. La questione di avanzare una richiesta di risarcimento danni è legittima, è un atto corretto e dovuto a tutela della storia di Siena e della provincia, oltretutto in una fase in cui la Fondazione potrà e dovrà avere risorse per far ripartire il territorio e per un rilancio economico e sociale, a iniziare ad esempio dal settore scienze della vita".

Cosa pensa della "messa in mora" ipotizzata da De Mossi nei confronti della Fondazione?
"Non rientra nelle funzioni del sindaco, in questo caso sbaglia. È pur vero che le prese di posizione possono aiutare i deputati, che hanno autonomia ma agiscono nel rispetto del territorio. Gli enti nominanti hanno ruolo di indirizzo, visto che sono formati da rappresen tanti eletti dai cittadini".

Ha sentito il rappresentante della Regione in deputazione, Donatella Cinelli Colombini?
"Solo uno scambio di idee. Mi riservo di avere un passaggio nelle prossime ore".