parlamento sanità salute pnrr

Sanità, Parente: "Sono impegnata nel rilancio delle RSA"

L'intervento pubblicato da "la Repubblica - A&F", 5 luglio 2021.

Le persone più anziane hanno affrontato con minori difficoltà la pandemia rispetto a quelle più giovani. È questo il dato più importante che emerge dall'Osservatorio Tendercapital-Censis sulla Silver economy, il cui obiettivo è quello di raccontare la "longevità" dopo 16 mesi di pandemia. In un quadro generalmente positivo per chi ha capelli già grigi, non mancano però i problemi, il principale dei quali è dato dalla frattura che si è aperta con le nuove generazioni. I giovani ritengono infatti che lo Stato spenda troppe risorse pubbliche a favore degli anziani che vengono anche accusati di occupare le posizioni di potere. Si tratta dunque di una ferita che, per quanto al momento non così profonda, deve essere al più presto sanata.

Ma partiamo dalle note positive. Secondo l'Osservatorio realizzato da Tendercapital in collaborazione col Censis, "la silver generation si è dimostrata la più coriacea nell'affrontare i 16 mesi di pandemia, trascorsi tra isolamento, divieti, restrizioni e la paura per una malattia che uccide su grandi numeri e minaccia soprattutto gli anziani. Infatti, il 69,3% degli anziani dichiara di non aver sofferto di stress psicofisico dal marzo 2020, mentre il dato è il 23,3% tra i giovani e il 34,1% tra gli adulti. E la prova della solidissima tempra degli anziani che, grazie alla loro alta capacità di tenuta e adattamento, hanno resistito agli effetti collaterali del virus più di giovani e adulti". Adesso che l'epidemia sembra allentare la sua morsa, gli anziani sono pronti a ripartire, lasciandosi alle spalle divieti e restrizioni. Quasi uno su due (43,4%) si è riproposto di dedicare più tempo alla cura di se stesso, facendo uso di cosmetici, praticando fitness, o andando dal barbiere o parrucchiere e uno su quattro (24,7%) è pronto a rinnovare il proprio guardaroba. Dopo lunghi mesi di reclusione fra le quattro mura, è inoltre tanta la voglia di uscire dalle proprie abitazioni, visto che il 66,4% vuol fare almeno un viaggio o una vacanza in Italia ed il 38,4% all`estero. C'è poi un 57,3% di intervistati che trascorrerà nei prossimi mesi un weekend di vacanza in Italia, il 29,7% un fine settimana all`estero. Il 46,3% è poi pronto a partecipare a pranzi e cene fuori casa.

Insomma, l'emergenza sanitaria ha confermato che il popolo degli anziani ha un suo punto forza e di stabilità sia sul piano psichico sia sul piano finanziario. La coesione sociale, già messa duramente alla prova dalle tensioni provocate dalla crisi economico-sanitaria (e non solo a livello di rapporti fra generazioni), rappresenta però un fattore fondamentale per avviare il Belpaese verso una ripresa stabile e duratura. E di questo è molto consapevole anche la politica, che nella persona di Annamaria Parente, presidente della Commissione Igiene e Sanità del Senato, ha partecipato alla presentazione dell'Osservatorio Tendercapital-Censis, avvenuta proprio presso la camera alta del Parlamen-to.

"Nell'Osservatorio Tendercapital-Censis sulla Silver economy fa impressione vedere questo risentimento da parte dei giovani verso gli anziani", ha detto Parente.

"Colpisce, poi, il furore di rivivere degli stessi anziani, che durante la pandemia hanno pagato molto le conseguenze dell`emergenza sanitaria. La sanità deve essere concepita come investimento, per poter reinserire dal basso questa voglia di ripartire che va collegata con le opportunità che offre il Paese", ha proseguito Parente.

Per il presidente della Commissione Igiene e Sanità, è ora necessario cambiare approccio alla sanità, sviluppando "la medicina del territorio, la telemedicina grazie ai device ora disponibili, al 5G e alla domotica e, più in generale, supportando concretamente l`innovazione tecnologica". "Qualità significa avere un maggiore controllo e sono impegnata nel rilancio delle Rsa, migliorando anche la professionalità degli operatori", ha concluso Parente.