Governo parlamento

Rosato si rivolge a Draghi: "Ci ripensi e continui ad aiutare questo Paese"

L'intervento sul "Messaggero Veneto", 16 luglio 2022.

Ettore Rosato si rivolge g direttamente a Mario Draghi affinché cambi idea sulle dimissioni. «Nel mio piccolo mi appello alla responsabilità di tutti, chiedendo al presidente Draghi di continuare a dare una mano al Paese per i pochi mesi che ci separano alle elezioni di fine legislatura", ha detto ieri il capogruppo alla Camera di Italia Viva.

"Abbiamo in questo momento altre priorità rispetto ad andare a votare. Ci sono impegni che ci siamo assunti e che vanno portati a compimento e scadenze da rispettate. Penso al taglio del cuneo fiscale, che andrebbe realizzato entro la fine di luglio perché si tradurrebbe in più soldi in busta paga per i cittadini, ma anche alla stesura della legge di Bilancio e al raggiungimento degli obiettivi del Pnrr entro il 31 dicembre, dopo il grande impegno messo per rispettare la road map di fine giugno. Obiettivi che siamo stati in grado di raggiungere nonostante una guerra inaspettata abbia reso tutto più difficile. Mi sembra assurdo buttare via tutto questo", prosegue Rosato.

Per Rosato, tra l'altro, il responsabile è soltanto uno. "L'inconsistenza e la mancanza di senso delle istituzioni di Giuseppe Conte – ha concluso Rosato – non bastano a descrivere i motivi di quello che è accaduto. Bisogna aggiungerci che lui cercale elezioni anticipate, a marzo del prossimo anno non ci arriva, e i suoi parlamentari come nella storia del pifferaio magico lo hanno seguito fino al burrone e si sono buttati di sotto".