parlamento inhomepage elezioni 2022

Renzi: "Il Terzo Polo c'è già. Con noi si porta in Parlamento la competenza"

Estratto dell'intervista di Niccolò Carratelli, “la Stampa”,  11 agosto 2022.

Matteo Renzi cerca faticosamente di tenere un basso profilo. Spiega che oggi si vedrà con Carlo Calenda per chiudere l'accordo e correre insieme alle elezioni: «Se c'è un progetto politico, sono pronto a fare un passo indietro — assicura — Carlo può fare il front runner in campagna elettorale e noi gli daremo una mano». In comune, tra le altre cose, hanno quella di aver fregato Enrico Letta, ma «ormai è chiaro che lui si frega da solo», attacca il leader di Italia Viva, spietato nel giudizio sulla strategia del segretario del Pd: «Ha fatto una frittata, è il miglior amico di Giorgia Meloni».

Intervistato dal direttore de La Stampa, Massimo Giannini, per la trasmissione "30 minuti al Massimo", l'ex premier si dice convinto che «il terzo polo può prendere voti sia a Forza Italia che al Pd» e che, «con un buon risultato al proporzionale, poi possiamo essere decisivi in Parlamento per far tornare Mario Draghi». E pazienza se gli ultimi sondaggi non sono proprio positivi per la strana coppia, perché «se Berlusconi, che con i dati è il più avanti di tutti, ha iniziato ad attaccare me e Calenda, vuol dire che ci teme».

Quindi, possiamo dire che il terzo polo ci sarà?
«Il terzo polo c'è già, la domanda è se riusciremo a costruirlo in modo serio e con la compagine più ampia possibile».

Ci riuscite?
«Guardi, visto il teatrino deludente di queste settimane, dal quale sono orgoglioso di essere restato fuori, se vogliamo fare un accordo deve essere diverso, all'insegna della competenza, rifiutando le banalizzazioni».

Ancora non siete d'accordo su liste e candidature?
«Quella è la cosa più facile, ma bisogna capire bene qual è la prospettiva fino al 25 settembre e anche dopo. Se vogliamo costruire un polo del buon senso, che possa incidere nella prossima legislatura. Se riusciamo, facciamo un servizio al Paese».

Chi lo desidera può leggere l'intervista completa a questo indirizzo.