parlamento inhomepage amministrative

Renzi: “Questo voto certifica la morte del grillismo”

Estratto dell'intervista di Emanuele Lauria, "la Repubblica", 14 giugno 2022.

"Il centro riformista è il vero vincitore di queste elezioni". Non ha dubbi, Matteo Renzi: secondo lui le Amministrative consegnano il successo di quella che chiama "area Draghi-Macron". E a questo punto, afferma l'ex premier, Letta deve porsi il problema: "Vuole dialogare con noi o vuole limitarsi ai grillini? Così facendo, più che al campo largo si arriva al camposanto, politicamente parlando".

Renzi, lei in queste elezioni ha sposato la linea delle alleanze variabili: ora con il centrosinistra, ora con il centrodestra. Spesso non presentando il simbolo. È contento di come è finita?
"Molto. Abbiamo dato un contributo importante a sindaci eletti molto bravi come Bucci a Genova e Giordani a Padova. E quando siamo andati da soli, come a Carrara con Ferri o a Verona con Tosi, abbiamo fatto un risultato straordinario sfiorando il ballottaggio. Oggi abbiamo 97 sindaci in Italia, e credo che in questa tornata abbiamo conquistato più consiglieri che i 5S".

Calenda si arroga nei fatti la leadership di un'area che, dice, rappresenta il 20 per cento.
"La leadership in politica non si prenota. Si costruisce con umiltà e intelligenza politica coinvolgendo quelli che la pensano come te. Io dico che quest'area c'è, chi la guiderà è un problema che ci porremo dopo. Dove noi andiamo forte, Azione e Più Europa vanno peggio e viceversa: segno che siamo complementari. Ma il dato è sempre quello: il centro riformista c'è, è protagonista in Italia come in Francia con Macron, può essere decisivo mentre queste elezioni certificano la morte del grillismo, da Taranto a Palermo fino a Genova, città del fondatore. Se fossi il segretario del Pd mi porrei il tema: con chi è meglio confrontarsi? In un anno, Conte è passato da fortissimo punto di riferimento progressista a scacciavoti: vivono di sondaggi e talk ma faticano a eleggere i consiglieri comunali. E molti grillini nei capannelli in Parlamento lo dicono, sono comprensibilmente preoccupati".

Chi lo desidera può leggere l'intervista completa a questo indirizzo.