parlamento inhomepage Quirinale

Renzi: "Draghi può stare a Chigi o al Colle ma non in panchina"

Estratto dell'intervista di Fabio Martini, "la Stampa", 21 gennaio 2022. 

Anche chi lo detesta, lo sa: nel "fare" Presidenti (Mattarella, Draghi, se stesso), Matteo Renzi finora ha avuto un certo "tocco" e per questo il suo allarme a 78 ore dalla prima votazione non va sottovalutato: «Attenzione. Se si porta Draghi come candidato allo scrutinio segreto, lo si elegge, anche perché esporlo a una bocciatura dell'Aula significherebbe perderlo sia per il Colle che per il governo. E l'Italia una cosa non se la può permettere: rimettere Mario Draghi in panchina».

Renzi, senza la sua azione, forse Mario Draghi sarebbe ancora un pensionato ma non pensa che con un eccesso di superficialità, anche sua, si rischia di perdere una risorsa potente per il Paese?
«Diciamo che, conoscendo Mario, sono sicuro che non avrebbe fatto il pensionato di lusso ma sarebbe probabilmente un top advisor per qualche istituto finanziario internazionale. Battute a parte, le rispondo che ha ragione. Noi possiamo schierare Draghi come centravanti a Palazzo Chigi o portiere al Quirinale, ma l'unica cosa sicura è che non possiamo perderlo».

Il "titolo" Draghi non ha mai rischiato di essere sospeso per eccesso di ribasso, ma fatica a salire...
«Non mi pare né in discesa, né in salita. Draghi è Draghi, punto. Metà degli italiani sogna di vederlo per sette anni al Colle. Metà degli italiani spera di non perderlo a Palazzo Chigi. La quasi totalità riconosce che la sua presenza in politica è un valore aggiunto per le istituzioni».


Chi lo desidera può leggere l'intervista completa a questo indirizzo.