26/07/20
parlamento paese

Renzi: “La crisi imporrà il Mes. Il governo? Va avanti ma serve più competenza”

Estratto dell'intervista di Concetto Vecchio, La Repubblica, domenica 26 luglio 2020.

Matteo Renzi, l’altro giorno al Senato lei ha fatto un elogio a Giuseppe Conte. Ha cambiato idea sul premier? «Chi fortunatamente ha cambiato idea è Conte. Un anno fa era il leader di un governo di sovranisti, dove Di Maio andava dai gilet gialli e Salvini stava con la destra estrema dell’Afd e di Wilders».

Qual è il merito maggiore di Conte?
«Si è lasciato convincere a riportare l’Italia dalla parte giusta della storia. La parentesi sovranista è chiusa. Adesso la maggioranza è europeista e l’Italia è dentro l’asse franco-tedesco. Quanto accaduto a Bruxelles è merito delle tre M: Merkel, Macron, Michel. Quando è nato il governo giallorosso molti mi hanno attaccato e qualche profeta voleva votare: avremmo perso faccia ed elezioni».

Un governo sovranista non avrebbe ottenuto gli stessi risultati?
«Certo che no. Se ci fossero stati Salvini-Meloni ora racconteremmo un’altra storia e l’Italia sarebbe isolata. Aggiungo che l’Europa ha battuto un colpo, ma molto del nostro futuro dipenderà dall’esito delle elezioni negli Usa».

Per chi lo desidera, l'intervista integrale è disponibile qui.