parlamento inhomepage amministrative

Renzi: "Attento Pd, con i 5 Stelle scegli la decrescita infelice"

Estratto dell'intervista di Ernesto Ferrara, "Firenze - la Repubblica", 23 settembre 2021.

Senatore Matteo Renzi, ha letto Bonafede? Propone un patto green al centrosinistra toscano senza Tav, inceneritori, aeroporto. Lei ci sta?
«I Cinque stelle hanno coraggio. Parlare di gestione dei rifiuti dopo quello che hanno fatto a Roma con la Raggi è incredibile: vogliono fare anche in piazza della Signoria il festival dei cinghiali attualmente in corso nella capitale? Non scherziamo, la prego. Bonafede dovrebbe tornare alla sua attività di Dj, professione per la quale era molto apprezzato. In politica ha già mostrato le sue incapacità da ministro della giustizia. Se il Pd vuole Bonafede e la decrescita infelice faccia pure. Ma sia chiaro: senza di noi».

Già in queste amministrative in effetti il Pd toscano non vi ha trattati da alleati privilegiati ed è andato in tanti posti coi 5stelle o con la sinistra come Sesto. Si è rotto qualcosa in Toscana?
«Non si tratta di alchimie o cartelli elettorali ma di coerenza: noi di Italia Viva diciamo e sosteniamo quello che dicevamo e sostenevamo anche soltanto un anno fa. Il Pd in molti casi ha deciso di accodarsi al carro dei populisti per una poltrona da vicesindaco o per uno strapuntino prestigioso. Le chiedo quali siano le proposte del Pd a Sesto Fiorentino? Io ho capito solo che si sono innamorati di un sindaco contro il quale hanno votato sempre per cinque anni in Consiglio comunale. Si chiama Sindrome di Stoccolma, noi invece siamo affetti dalla Sindrome della coerenza».

Crede che l'alleanza Pd-lv in Toscana reggerà e sopravvivrà alle prossime amministrative?
«Io porrei la questione diversamente: crede che la Toscana nei prossimi anni accetterà di essere trascinata indietro nel secolo scorso? La mia risposta è: no. Noi ci batteremo con forza perché ciò non accada e perché tanti Don Abbondio della poltrona possano recuperare non dico un po' di coraggio ma almeno un briciolo di dignità».

Chi lo desidera può leggere l'intervista completa su "Firenze - la Repubblica".