08/09/20
parlamento territori regionali paese

Regionali, Toscana, Rosato a Follonica: "Noi siamo concreti e vi spiego cosa significa"

La notizia su "il Tirreno", 8 settembre 2020.

Incontro assai è stato quello domenica a Follonica di Ettore Rosato, vicepresidente dell'ufficio di presidenza della Camera dei Deputati e coordinatore nazionale di Italia Viva, che ha incontrato elettori e candidati alle prossicoe elezioni regionali. Ad introdurlo alla platea è stata la coordinatrice provinciale di Italia Viva, Donatella Dominici.

«Come riformisti — ha detto Rosato — abbiamo l'obbligo di conservare ciò che abbiamo e migliorarlo per i nostri figli e i nostri nipoti». «Abbiamo poi il dovere di far capire a tutti gli elettori di questo territorio che in questa complicata campagna elettorale si gioca una partita importante per la Toscana. Per guidarla ci sono mani adatte e mani meno adatte. Ci sono quelli che hanno una lettura delle cose che aiuterà a crescere e quelli invece che hanno una lettura che aiuterà a chiudersi. Qui è la differenza tra Eugenio Giani e il nostro schieramento con i nostri avversari».

«Trasportando questo ragionamento a livello nazionale — continua Rosato — provate a pensare cosa sarebbe successo se ad agosto 2019, quando al Papete Salvini faceva la sua sceneggiata per dire andiamo al voto, se fossimo andati a rimorchio di questa richiesta. Avremmo dovuto affrontare l'emergenza Covid con un Governo a guida Salvini-Meloni».

«Grazie invece a quella mossa che abbiamo fatto, sul piano sanitario ci ha portato un Governo, con alti e bassi, ma che ha saputo gestire una emergenza sanitaria complicata, senza considerare che sul piano economico ci saremmo trovati a avere una guida del Paese affidata a chi mette ai primi posti del suo modo di fare l'antieuropeismo, la chiusura dei nostri confini e l'isolamento. Venendo a Follonica — prosegue Rosato — mi è stato detto che in questa estate qui vi è stato incremento di presenze turistiche ma a livello nazionale sono stati perduti 100 miliardi da questo settore, una cifra enorme. Nel mondo non si viaggia più per la paura e ciò ha contribuito e contribuirà a determinare la più grave crisi economica che il nostro Paese ha mai attraversato nella sua storia».

«Ci sono due modi di interpretare la situazione: uno è quello di farvi fronte dando risposte di carattere assistenziale che ha caratterizzato anche l'impostazione dei partner di governo, sia pure con ritardi come nel caso della cassa integrazione o nell'affrontare i problemi delle libere professioni. L'altro modo di interpretare la situazione è quello Viva con proposte concrete che inizialmente vengono negate, per poi essere attuate, come per esempio il recente Decreto Semplificazioni che ha accolto buona parte del Piano Shock», ha sottolineato Rosato.

«Il nostro essere concreti— ha concluso Rosato — è legato alle competenze che deteniamo tra le nostre file e non smetteremo mai di porlo, certo è che più fiato avremo più facile sarà ottenere risultati, ecco perché è importante in ogni occasione elettorale sostenere Italia Viva».