08/09/20
territori regionali paese

Regionali, Toscana, Matteo Renzi a San Gimignano: "Italia Viva è la casa di chi costruisce per i figli, non di chi chiacchiera"

A San Gimignano, Matteo Renzi ha partecipato all'inaugurazione del comitato a sostegno della candidatura del capolista Stefano Scaramelli al Consiglio regionale. La notizia sul "Corriere di Siena", "la Nazione" e altri giornali locali, 8 settembre 2020.

"Una passeggiata a San Gimignano allarga sempre il cuore. Ma questo comune non è bello solo per il passato: grazie alle nostre azioni di Governo il comune ha speso sei milioni di euro per rifare le scuole. Italia Viva è la casa di chi costruisce per i figli, non di chi chiacchiera": con queste parole, in un post Facebook, Matteo Renzi ha commentato la sua visita a San Gimignano, in occasione dell'inaugurazione del comitato a sostegno della candidatura del capolista Stefano Scaramelli al Consiglio regionale.

Una mattinata in giro tra le torri per Mattero Renzi, che è passato da San Gimignano per aprire la sede di Italia Viva, ma come tutti ha approfittato per passeggiare per il centro storico del borgo ammirando le bellezze della cittadina e ha incontrato i giornalisti a porta San Giovanni dove ha rilasciato alcune dichiarazioni sull'attuale situazione politica, focalizzandosi soprattutto su regionali e referendum.

Sulle elezioni ha esortato ha non buttare alle ortiche il sistema sanitario regionale pubblico, un'eccellenza non solo locale, ma nazionale, cosa che invece potrebbe accadere se dovesse vincere Ceccardi. La Lega trasformerebbe la sanità toscana in un sistema privato come avviene in Lombardia. Sul referendum ha dichiarato che è necessario fare una riforma elettorale qualunque sia il risultato della consultazione popolare. Scendendo nel territorio Renzi ha elogiato la capacità del Comune di attingere ai fondi per l'edilizia scolastica che hanno permesso il completo ammodernamento di tutte le scuole comunali di ogni ordine e grado. Fondi erogati dal suo Governo che hanno permesso alla cittadina un primato invidiabile, quello di avere tutte le strutture all'avanguardia.

"Negli anni del Governo Renzi - ha spiegato Stefano Scaramelli - San Gimignano ricevette un altissimo stanziamento per l’edilizia scolastica. Sicurezza e ammodernamento di tutto il patrimonio scolastico contraddistinguono queste opere realizzate con efficienza e celerità, segnando l'attenzione verso il tema della scuola e della formazione nel suo complesso".

Nello specifico gli interventi riguardarono la scuola materna capoluogo: demolito il vecchio edificio e ricostruita ex novo la nuova scuola – Contributo governativo 2 milioni di euro – già inaugurata e operante da un anno; la scuola media capoluogo: chiuso il vecchio edificio e costruita ex novo la nuova scuola – Contributo governativo 2 milioni di euro – già inaugurata e operante da due anni; la palestra scolastica capoluogo: demolito il vecchio edificio e costruita ex novo la nuova palestra: contributo governativo 900.000 euro – quasi completata e inaugurazione entro l'anno; la scuola elementare di Ulignano: ristrutturato completamente e messo in sicurezza sismica l’edificio esistente – contributo governativo 700.000 euro, la cui inaugurazione è in programma il 12 settembre.

A oggi resta la scuola elementare del capoluogo, in corso la progettazione esecutiva, perché inserita nella programmazione fondi 2018-2020 ma per ora non finanziata. "Il Governo Renzi nel triennio di programmazione 2015-2017 - ha concluso Scaramelli - ha stanziato risorse per la scuola, solo su San Gimignano, pari a 5.600.000 euro". Dato che rende questo Comune quello che in Toscana ha intercettato il maggior numero di risorse in relazione al rapporto risorse intercettate/popolazione.

Matteo Renzi incontrato i commercianti e si è informato sulla situazione economica, inoltre ha incontrato il Sindaco Marrucci in piazza delle Erbe dove è rimasto estasiato dalla bellezza e maestosità del Duomo. Qui ha salutato il maestro gelatiere Sergio Dondoli una celebrità per i suoi gelati famosi in ogni angolo del globo. La passeggiata si è conclusa presso la nuova sede di Italia Viva dove ha incontrato gli iscritti e presenziato all'inaugurazione della sezione del partito. Una fase questa, nella quale Italia Viva sta costruendo una rete di circoli in ogni paese del territorio - Poggibonsi, Colle e adesso San Gimignano - per radicarsi e diventare un interlocutore di rilievo della vita sociale e politica della Valdelsa.