Infrastrutture paese

Raddoppio Mantova-Piadena, Colaninno: "Rfi pronta a sedersi al tavolo coi sindaci"

L'intervento pubblicato dalla "Gazzetta di Mantova", 24 novembre 2020.

«Rfi è disponibile fin da subito a sedersi attorno ad un tavolo con sindaci, Provincia e Regione per risolvere i problemi relativi al raddoppio della linea ferroviaria Mantova-Piadena». A dirlo è il deputato di Italia Viva, Matteo Colannino, un po' il padre putativo dell'intera opera attesa da molto tempo e che lui, per anni, ha seguito nei meandri romani fino ad ottenere dai governi Renzi e Gentiioni un finanziamento di 340 milioni di euro per i lavori.

A Colaninno si sono rivolti in questi giorni i primi cittadini dei territori interessati dal tracciato, il presidente della Provincia Morselli e la consigliera regionale Cappellari per chiedere che il progetto del raddoppio, depositato al ministero dell'ambiente per la valutazione di impatto ambientale, non venga calato dall'alto, come ritengono sia stato, ma venga condiviso dai territori. Uno dei problemi che hanno evidenziato, assieme ai disagi che un cantiere lungo anni provocherà a passeggeri e residenti nei territori, è la mancata armonizzazione con il tracciato della futura autostrada Mantova-Cremona.

Il deputato di Italia Viva si è già dato da fare, ha contatto i vertici di Rfi e ha ottenuto la loro disponibilità a partecipare al tavolo. Una cosa, però, Colaninno tiene a precisare: «Il tavolo deve essere costruttivo, nel senso che in quella sede si dovranno esporre i problemi e risolverli, non crearne altri». «Oggi il raddoppio è una realtà, i governi Renzi e Gentiloni lo hanno finanziato, Italia Viva ha chiesto al governo Conte, e ottenuto, il suo inserimento tra le trenta opere più importanti che verranno gestite dal commissario e che, quindi, verranno realizzate. L'autostrada Mantova-Cremona, che noi sosteniamo, non è ancora finanziata. Vediamo, dunque, se tra i due progetti ci può essere armonizzazione. E giusto condividere e gestire insieme queste due partite, coinvolgendo i territori, ma senza veti». E «ai sindaci, al presidente Morselli e alla consigliera Cappellari, che ringrazio, dico che siamo entrati in una fase in cui dobbiamo gestire insieme la situazione per risolvere eventuali problemi. Aggiungo anche che è normale che nei prossimi anni si vada incontro a qualche disagio. Con Rfi c'è uno stretto rapporto che ha portato alla sua disponibilità per il tavolo. E di questo la ringrazio».