Ambiente territori

Pressing per lo stato di calamità nel Mantovano. Colaninno: "Non molliamo"

L'intervento pubblicato dalla "Gazzetta di Mantova",  28 agosto 2021. 

Lo stato di calamità per gli eventi meteo di luglio - concesso dal Governo per l'Alta Lombardia, ma non per il Mantovano - scatena la polemica. Il Basso Mantovano è stato infatti colpito da un nubifragio lo scorso fine luglio, con danni alle abitazioni, imprese, coltivazioni, automobili.

Secondo quanto si apprende, la Regione ha inviato una relazione di oltre cento pagine con gli eventi dal 3 luglio all'8 agosto. Conteneva i danni ai Comuni di Gonzaga, Moglia, Quistello, Pegognaga e Sabbioneta. Il Governo ha, tuttavia, deciso in base alla relazione del Dipartimento per la Protezione Civile. Che in genere è restio ad accogliere richieste per grandinate. 

In proposito, il parlamentare Matteo Colaninno (Italia Viva) ha sottolineato: «Ho parlato direttamente con il capo della Protezione civile, Fabrizio Curcio. Con la Ministra Elena Bonetti stiamo facendo pressing. Le normative sono complesse, ma la procedura per il Basso Mantovano, dove l'entità dei danni della grandine è stata enorme, non è chiusa. E siamo vicini al sindaco e alla popolazione».