territori elezioni 2022

Presentazione dei candidati a Rovigo, Bendinelli: "Siamo qui per parlare di futuro"

La notizia su "il Gazzettino", 2 settembre 2022.

Il Terzo polo, con Carlo Calenda a capo della forza politica costituita da Azione e Italia Viva, punta a eleggere «sei o sette candidati» e guarda già alle elezioni regionali nel 2025, perché il voto del 25 settembre è «l'inizio di una collaborazione» che in Veneto riflette su come «il Pd abbia abdicato nel fare opposizione», mentre «la sanità veneta mostra che non è oro tutto quello che luccica», afferma Davide Bendinelli.

Il deputato di Italia Viva e sindaco di Garda ha aperto la presentazione dei candidati locali del Terzo polo. E il prossimo 9 settembre a Ficarolo è già programmata «un'iniziativa dedicata alla sanità. Una materia che conosco bene e i contenuti saranno parecchi», ha annunciato Manuela Nicoietti, già sindaco del paese e che all0Ulss 5 Polesana ha lavorato come funzionario dal 1977 al 2020.

Insieme a Gabriele Galiazzo (sono entrambi candidati ai Senato: lei nel collegio plurinominale Veneto 2, lui nell'uninominale Veneto I) e a Giacomo Bovolenta nell'uninominale per la Carnera, sono i candidati polesani della forza politica che ha chiamato il proprio programma "Italia sul serio", perché «siamo gli unici che non promettono cose impossibili. E ogni euro in più in bilancio per noi deve essere speso in sanità», aggiunge Arianna Corroppoli, aderente a Italia Viva, di cui è coordinatrice provinciale.

«Siamo qui per parlare di futuro», ha sottolineato Bendinelli, «mentre Forza Italia ha svenduto i propri valori liberali: cosi l'elettore moderato non può sentirsene rappresentato».

«La mia candidatura - ha spiegato l'avvocato Giacomo Bovolenta - è un atto di fiducia verso un progetto politico lungimirante e le testimonianze di fiducia che arrivano, da destra e sinistra, mi dicono che i polesani vogliono essere rappresentati da qualcuno del territorio: al contrario, votare per il polo di centrodestra o per il centrosinistra significa che il Polesine continuerà a essere un soggetto trascurato dalla politica nazionale».

Formazione professionale, Zona logistica semplificata, soluzione delle questioni demaniali nel Delta e di quelle relative alle linee ferroviarie Rovigo-Chiogga e Rovigo-Verona, sono stati i temi trattati da Bovolenta. Mentre Gabriele Galiazzo, noto imprenditore rodigino, è convinto che «il Governo Draghi farà il massimo contro il caro energia» e così si concentra sui giovani: «È il primo investimento da fare: occorre formarli nelle aree imprenditoriale, civica e dell`amministrazione, perché oggi i giovani non hanno politiche adeguate».

Le liste Azione Italia Viva Calenda Renew Europe sono costituite anche da candidati del Partito repubblicano, rappresentato nell'appuntamento rodigino da Gianni Balzan, che ha presentato la candidatura al Senato dell'imprenditrice veneziana Paola Bergamo nell'uninominale Veneto 1 e nel plurinominale che comprende anche Venezia e Rovigo: Bergamo punta su rinnovabili e termovalorizzatori, riforma del lavoro, incentivi all'imprenditorialità e reintroduzione del buono lavoro.