30/06/21
Infrastrutture

Pontremolese, Bellanova e Paita: "Soldi e metodo per rilanciare l'operazione"

La notizia su "la Nazione", 30 giugno 2021.

Sarà la volta buona per il raddoppio della linea ferroviaria Pontremolese? Il viceministro alle infrastrutture Teresa Bellanova, la presidente della Commissione trasporti della Camera Raffaella Paita, il commissario all'opera Walter Cocchetti lo assicurano e - nell'auditorium dell'Autorità di Sistema Portuale, davanti alla comunità che fa perno su moli e navi - ci mettono la faccia, promettono impegno/vicinanza al territorio per concertare le azioni e centrare l'obiettivo di connettere al meglio lo scalo della Spezia al cuore della Pianura padana da lì all'Europa. Se ne parla da cinquant'anni. Un'opera strategica per il sistema-Paese, oltreché per il golfo.

In tanti di coloro che ieri hanno apprezzato e incoraggiato lo slancio propositivo - a partire dai sindaci della Spezia e Carrara. Ma ora ci sono grosse risorse stanziate e in corso di stanziamento per portare a compimento un segmento fondamentale del percorso: il tratto Parma-Vicopertile (8 chilometri), parliamo di 260 milioni sull'unghia, di cui 160 freschi di Decreto rilancio e 100 recuperati dai vecchi plafond con la prospettiva di finire l'opera nel 2028; ci sono poi 63 milioni per il consolidamento della galleria Bastardo (di cui 22 attinti dal Piano nazionale di resistenza e resilienza nella misura in cui l'opera si prevede completatile nel 2026); c'è anche l'impegno di Rete Ferroviaria Italiana a finanziare, nell`ambito del contratto di programma, la progettazione -chiave, quella della galleria di valico di 33 chilometri, con disegni e calcoli destinati a materializzarsi il prossimo anno. Per completare tutta la linea servono 2 miliardi e 340milioni di euro.

Intanto c'è innesco del percorso virtuoso, che si fa stimolo ai politici del prossimo ventennio. Parola d'ordine «remare insieme». L`hanno condivisa il sindaco Peracchini e l'onorevole Paita, tessitrice del meeting che ha portato alla sbarco alla Spezia, nell`arco di un mese del viceministro Bellanova: un segnale forte. La numero due delle Infrastrutture vede rosa: «Ci siamo dati un metodo, c'è un commissario per accelerare le mosse».

Ci spera il presidente dell`Autorità di Sistema portuale Mario Sommariva, moderatore del meeting, riconoscente verso una figura chiave nella conoscenza della storia del raddoppio della Pontremolese: Pier Gino Scardigli. Anche lui, dopo tante delusioni, sembra crederci. Così come i sindacalisti. Lara Ghiglione (Cgil), Antonio Carro (Cisl) e Mario Ghini (Uil), Stefano Bettalli (Filt Cgil), Marco Moretti (Fit Cisl) e Marco Furletti (Uiltrasposti Uil), che plaudono.