Riduciamo l’Iva dal 22% al 5% per mascherine e DPI

Chiediamo di prevedere l’IVA agevolata al 5% - invece che al 22% - su mascherine, gel igienizzanti, sanificazioni, barriere in plexiglass e tutti i prodotti ritenuti idonei a garantire la sicurezza delle persone di fronte al rischio di contagio da Coronavirus.



Ci siamo sempre battuti contro ogni possibile aumento dell’IVA, una delle ragioni fondanti la nascita del governo Conte II.
Nella manovra di bilancio grazie all’azione decisiva dei nostri parlamentari, ministri e leader di Italia Viva abbiamo evitato qualsiasi aumento, in qualsiasi forma o modalità, dell’IVA e di altre accise.

Riteniamo infatti che l’economia italiana abbia bisogno di meno tasse. E riteniamo che questa esigenza sia ancor più valida in una fase difficile come quella che stiamo attraversando a causa dell’emergenza epidemiologica da COVID-19, le cui conseguenze economiche stanno già registrando impatti gravi su famiglie, imprese e cittadini.

La proposta di prevedere l’IVA agevolata al 5%, come avviene per i beni di prima necessità, per mascherine, gel igienizzanti, sanificazioni, barriere in plexiglass e prodotti affini rappresenterebbe una misura di sostegno per famiglie, aziende e pubbliche amministrazioni che dovranno dotarsi di DPI per la fase 2.

Abbattere l’IVA dal 22% al 5% determinerebbe ingenti risparmi e la possibilità di acquistare un maggior numero di dotazioni a parità di prezzo.

Se anche tu sei d'accordo firma con noi!

 

 Petizione promossa da Eleonora De SantisMarco CappaItalia Viva Roma città

 

 

Le firme saranno ritenute valide e conteggiate soltanto se provenienti da un indirizzo email reale e funzionante
Se dovessi aver già firmato la petizione, ti ricordiamo che una seconda firma non sarà conteggiata a sistema.

Sottoscrivi la petizione

2.793 Firme Obiettivo: 5.000

Letta l’informativa resa ai sensi dell’art. 13 del GDPR e della normativa nazionale in materia di protezione dei dati personali acconsento al trattamento dei miei dati personali: