Scuole chiuse: apriamo i cantieri per metterle in sicurezza e farle più belle

Scuole chiuse: apriamo i cantieri per metterle in sicurezza e farle più belle



Noi auspichiamo che le scuole possano riaprire in sicurezza e che si possa chiudere in classe l’anno scolastico. Se però l’attività riprendesse a settembre, è indispensabile impiegare questo tempo in cui le scuole resteranno chiuse per ristrutturare e fare lavori di manutenzione ordinaria e straordinaria degli edifici.

Chiediamo che si utilizzino i due miliardi già stanziati e destinati all’edilizia scolastica per rimettere in ordine le scuole di ogni ordine e grado, in modo da far trovare le classi sicure, più efficienti, più belle per il rientro dei nostri ragazzi a settembre.

E chiediamo che per spendere bene queste somme, sia ripristinata l’unità di missione dell’edilizia scolastica con l'obiettivo di coordinare i lavori e poterli svolgere a burocrazia zero.

Utilizziamo questo tempo per migliorare le scuole: non restiamo fermi. I progetti ci sono, i soldi anche, il tempo in cui le scuole resteranno vuote purtroppo non ci manca: al lavoro quindi, per la sicurezza dei nostri ragazzi, per l'efficienza del nostro sistema scolastico, per far ripartire l’economia coi cantieri che saranno aperti e l'indotto che ne deriverà.

Segnalateci a ediliziascolastica@italiaviva.it gli interventi secondo voi necessari


 Petizione promossa da Davide Faraone

 

 

Le firme saranno ritenute valide e conteggiate soltanto se provenienti da un indirizzo email reale e funzionante
Se dovessi aver già firmato la petizione, ti ricordiamo che una seconda firma non sarà conteggiata a sistema.

Sottoscrivi la petizione

6.070 Firme Obiettivo: 5.000

Letta l’informativa resa ai sensi dell’art. 13 del GDPR e della normativa nazionale in materia di protezione dei dati personali acconsento al trattamento dei miei dati personali: