Infrastrutture paese

Paita: “I commissari non bastano così come i soldi”

L’intervento pubblicato su Il Tirreno, 23 gennaio 2021

«La pubblicazione dei nomi dei commissari chiamati a sbloccare le opere è un passo importante che chiedevamo da tanti mesi, ma purtroppo non ancora sufficiente a far partire il rilancio infrastrutturale di cui il Paese ha bisogno: sul tavolo rimangono ancora delle questioni importanti da affrontare».

Lo dichiara Raffaella Paita, deputata di Italia Viva. «I problemi da risolvere - spiega - sono ancora di tre ordini: il reale finanziamento di alcune opere, lo stato di avanzamento progettuale e poi il fatto che sia scomparsa la Tirrenica».

«Dati alla mano - prosegue il finanziamento di alcune delle circa 50 opere a cui il Dl Semplificazioni assegna una priorità strategica è incompleto. Questo fatto può ovviamente mettere a rischio l'effettiva e tempestiva realizzazione dell'infrastruttura».

«Urge quindi procedere ora all'individuazione delle risorse necessarie. In altri casi, si registrano invece incompletezze sul versante progettuale. E anche qui bisogna porre in fretta rimedio. Quanto ai nomi dei commissari, fermo restando il massimo rispetto per le capacità e le competenze tecniche per le figure scelte, stupisce che nemmeno un sindaco sia stato ritenuto adatto a ricoprire un simile incarico».