Italia Viva

Nominati i coordinatori regionali di Italia Viva

Lo annunciano i presidenti nazionali Ettore Rosato e Teresa Bellanova, 27 aprile 2021.

“Nominati i coordinatori regionali di Italia Viva”. Lo annunciano i presidenti nazionali Ettore Rosato e Teresa Bellanova che hanno provveduto alla loro nomina nell'ambito delle iniziative di consolidamento della struttura del partito, come era stato anticipato nell'ultima Assemblea Nazionale anche nell'intervento di Matteo Renzi.

Sono: in Piemonte, Silvia Fregolent e Mauro Maria Marino; in Liguria, Raffaella Paita e Claudio Gustavino; in Lombardia, Maria Chiara Gadda e Mauro Del Barba; in Emilia - Romagna, Giorgia Bellucci e Stefano Mazzetti; in Veneto, Martina Cancian e Davide Bendinelli; in Friuli Venezia Giulia, Maria Sandra Telesca e Giovanni Fania; nelle Marche, Lucia Annibali e Fabio Urbinati; in Toscana, Alice Rossetti e Nicola Danti; in Umbria, Nadia Ginetti e Leonardo Grimani; in Abruzzo, Maria Ciampaglione e Camillo D'Alessandro; in Molise, Giuseppina Occhionero e Donato D'Ambrosio; nel Lazio, Marietta Tidei e Luciano Nobili; in Campania, Angelica Saggese e Ciro Buonajuto; in Basilicata, Rossana Musacchio Adorisio e Nicola Scocuzza; in Puglia, Ada Fiore e Lorenzo Frattarolo; in Calabria, Davide Lauria e Maria Vittoria Barbieri; in Sicilia, Davide Faraone; in Sardegna, Paola Parigi e Gianfranco Soletta.

Nei prossimi giorni i coordinamenti regionali formalizzeranno anche le cabine di regia di ogni singola regione. Contestualmente vengono assegnati all'interno della Cabina di regia nazionale gli incarichi di responsabili organizzativi a Sara Moretto e Luciano Nobili; e quello degli Enti locali a Marietta Tidei e Ciro Buonajuto.

"La nomina dei coordinatori regionali e gli incarichi di vertice consentiranno un maggiore radicamento di Italia Viva sul territorio" dichiarano Ettore Rosato e Teresa Bellanova.

"In questo anno e mezzo abbiamo avuto modo di accogliere nella nostra comunità un numero sempre maggiore di iscritti, simpatizzanti, amministratori; una crescita che oggi ci consente di lavorare ancora meglio per dare il nostro contributo al Paese nel superare questa difficile fase di emergenza sanitaria, economica e sociale".