parlamento covid

Noja: "Chiediamo da tempo una commissione d'inchiesta sugli appalti Covid"

L'intervento pubblicato da "il Riformista", 19 ottobre 2021.

C'è un caso Arcuri che potrebbe rivelarsi Conte-Arcuri e diventare, come dice qualcuno, il più grande scandalo della storia recente. Milioni di mascherine irregolari e pericolose per la salute. Dispositivi di protezione acquistati dalla Cina per 1,25 miliardi di euro nel corso della prima ondata della pandemia, per il quale ieri la Procura di Roma ha disposto il sequestro presso la struttura commissariale e alcune sue sedi regionali. Qui c'è materia per una commissione di inchiesta, eccome. «Se le accuse e i sospetti fossero confermati saremmo di fronte al più grande scandalo italiano, superiore forse anche a Tangentopoli», dice Matteo Renzi. Va dato atto, è stato il primo (e a lungo, l'unico) a sollevare dubbi e chiedere l'istituzione di una Commissione bicamerale d'inchiesta.

Avversata da tutti, che affossarono prima al Senato la proposta istitutiva a prima firma Davide Faraone, e poi a Montecitorio quella analoga, a prima firma Lisa Noja. «Noi la chiediamo da un po', in solitudine», riepiloga Noja, Italia Viva, al Riformista.

«Adesso si stanno unendo altri. Ma ricordo che in Commissione, quando c'era da votare sulla curiosa richiesta leghista della commissione per indagare sull'origine del Covid, noi chiedemmo di indagare su come erano state gestite le prime emergenze, inclusi gli acquisti. Ci fu un fronte unico per votare contro il nostro emendamento. Bocciato senza esitazioni. Poi sulle ambiguità, sui profili di illeceità e sull'eventuale coinvolgimento di Conte, rimettiamo la parola alla giustizia. Oggi si proceda autonomamente rispetto al lavoro della magistratura, con uno strumento diverso, per capire che cosa non ha funzionato prima ancora di giudicare. Purtroppo oggi scopriamo che avremmo avuto ragione a mettere in piedi una commissione di inchiesta, sarebbe stata una opportunità in più per la politica. Rilanciamo oggi: la nostra proposta è pendente da sei mesi», conclude Noja.