territori elezioni 2022

Nasce Renew Pisa, Danti: "Oltre gli schieramenti tradizionali"

La notizia su "il Tirreno" e "la Nazione", 21 settembre 2022 

Una "casa" aperta che possa catalizzare, dal 26 settembre in poi, le scelte dei delusi ma anche la voglia di cambiamento rispetto agli attuali poli e schieramenti. Un soggetto politico che si candida a far sentire la propria voce anche alle prossime elezioni amministrative pisane. Il suo nome è "Renew Pisa". A presentare l'associazione ieri, nella sede del comitato elettorale Italia Viva-Azione, i due soci fondatori Carlo Lazzeroni (coordinatore comunale di Italia Viva) e Sergio Piane (coordinatore comunale di Azione), l'onorevole Nicola Danti, eurodeputato e vicepresidente Gruppo Renew Europe, e Michele Passarelli, candidato al collegio uninominale della Camera dei De putati per il Terzo Polo.

«È un'associazione che guarda all'Europa con l'intento di dar vita a un movimento che lavorerà su Pisa per rinnovarla e riportarla a essere una città di dimensione internazionale. I principi e i valori di Renew a Pisa, città della ricerca e dell'innovazione, possono mettere facilmente radici. Lanciamo - dicono Lazzeroni e Piane - da subito un appello per costruire a Pisa, in vista delle amministrative del 2023, un soggetto aperto a liste civiche, comitati, movimenti politici e singoli cittadini che non si riconoscono più negli schieramenti tradizionali oggi in campo, superati dalle nuove dinamiche economiche, internazionali e sociali».

«Sono orgoglioso - dice Passarelli - di essere il portavoce, in questa fase, di un progetto politico che, oltre che proporsi per il governo per il Paese oggi, vuole costruire un'alternativa di governo anche a Pisa». 

«Quella di Pisa è una tappa importante - così, infine, Nicola Danti - l'inizio di un percorso che risponderà a tutte quelle persone che, da lunedì, sentiranno il bisogno di una nuova casa per riconoscersi ancora in quei valori e in quei principi che il gioco degli schieramenti e delle alleanze non garantisce più. Una casa che avrà il suo ruolo, oltre che nella politica nazionale, anche sul territorio e nella città di Pisa».