24/11/20
salute paese

Massa Carrara, Ferri: "Puntare sul progetto PlasmApuane"

L'intervento su "il Tirreno", 24 novembre 2020.

L'onorevole di Italia Viva Cosimo Maria Ferri chiede alla direttrice dell'Asl Maria Teresa Casani «di convocare il comitato scientifico che si occupa del progetto "PlasmA-puane CoV-2" e di invitare a partecipare le istituzioni.

"Ritengo - scrive Ferri - che cittadini ed istituzioni debbano essere coinvolti, penso che, come prima mossa, debba essere richiamato 'alle armi" il professor La tenda all'ospedale del Noa Mirko Lombardi e gli si debba chiedere di continuare a coordinare il comitato e il progetto su cui, insieme ad altri colleghi, ha lavorato, con grande professionalità. Ritengo assurdo lasciare "in tribuna" chi ha voglia ancora di dare un contributo, il legislatore lo ha previsto nel mille proroghe, perché quindi, non richiamare chi è in pensione? Oltre i medici in pensione andrebbero coinvolti anche i giovani che non sono entrati nelle specializzazioni. Sono settimane che parliamo di carenza di personale: ci sono tante risorse da coinvolgere (concorsi già espletati e vincitori non assunti, idonei non utilizzati, personale Cup precario da anni, medici ed infermieri in pensione)".

"Il progetto "PlasmA-puane Cov 2" funziona e va portato avanti: è provato che il plasma iperimmune somministrato nella fase iniziale della malattia conclamata e a titolo elevato possa avere efficacia. La nostra provincia ha lavorato sul progetto con intuizione e dobbiamo investirci e svilupparlo. Il territorio ha avuto purtroppo il numero più elevato di contagiati e quindi ha un potenziale di plasma convalescente da utilizzare. Plasma che già oggi viene inviato a Pisa. Occorre impegnare la rete ospedale-territorio: è pacifico che il plasma iperimmune si possa prelevare dal donatore senza disagio, in sicurezza e con costi irrisori rispetto a farmaci meno efficaci. Questo progetto è una strada da percorrere con convinzione, si deve ringraziare tutta la squadra che ha dato vita a ll' iniziativa. Sta alla politica e a chi dirige l'Asl darvi impulso", conclude Ferri.