salute mascherine

Mascherine per le scuole, Occhionero: "Ora una commissione d'inchiesta"

Il caso mascherine in Parlamento «Ora una commissione d`inchiesta». Interrogazione della deputata Occhionero: «Lo dobbiamo ai ragazzi provati da un anno di Dad». Su il Giorno del 9/05/2021

Una commissione parlamentare d`inchiesta per fare luce anche sulla fornitura di mascherine alle scuole italiane. La chiede la deputata di Italia Viva Giusy Occhionero, capogruppo dei renziani in commissione Difesa alla Camera.

«L`ex commissario Arcuri - ricostruisce la parlamentare, riprendendo gli articoli di Qn - aveva stipulato un contratto di fornitura di mascherine risultate poi inadeguate e non funzionali. Un altro problema per i ragazzi che hanno già subito la conseguenza della pandemia con oltre un anno di sospensione dalle attività di formazione didattica. Ora è bene fare chiarezza, anche su questo punto. Lo dobbiamo ai nostri studenti. Italia Viva aveva chiesto una commissione parlamentare d`inchiesta. Che dovrà necessariamente occuparsi anche di questo nuovo presunto scandalo».

In assenza di risposte, si valuta anche un`interrogazione. Nel suo account Facebook la parlamentare avanza intanto una richiesta immediata al premier Draghi: «il governo interrompa il contratto». L`impegno scade a settembre e prevede la produzione di 130 milioni di chirurgiche a settimana al costo di 8,3 centesimi l`una. Al centro dell`operazione mascherine nelle scuole c`è Fca. Una macchina in corsa che non si è mai fermata, nemmeno quando gli studenti erano a casa e facevano lezione con la didattica a distanza.  Siamo arrivati così a quasi quattro miliardi di pezzi, 1,9 consegnati alle scuole in tutta Italia e sostanzialmente altrettanti (1,8) stipati nei magazzini delle Poste e destinati per lo più agli istituti.

Per la cronaca: tra settembre e ottobre dell`anno scorso, la stessa Fca aveva chiesto alla struttura del commissario Figliuolo di ritirare due lotti per il cattivo odore. Ma le famiglie continuano a lamentare lo stesso problema, a intermittenza. Qualche mamma ha confidato a Qn di usare le chirurgiche consegnate a scuola per spolverare. Ci sono famiglie che le buttano e altre che le chiudono nei cassetti di casa. C`è chi si è inventato di stenderle per giorni come si fa con il bucato per togliere quella puzza «come di cloro». Alla fine, i più le comprano. Anche questo forse spiega come mai siano stati rispediti indietro dalle scuole `solo` 800mila pezzi.