paese istituzioni

Marco Di Maio: "Il Mes è un'opportunità per un territorio come la Romagna"

L'intervento del parlamentare di Italia Viva, pubblicato dal "Corriere di Romagna", 2 dicembre 2020.

«Con il "sì" al Mes la Romagna potrebbe risparmiare i 60 milioni di euro destinati a finanziare i corsi di laurea in Medicina e Chirurgia in Romagna a Forlì e Ravenna, che impegnano oltre 30 milioni di euro in 15 anni per entrambe le città. Dire "no" a questo strumento finanziario è un danno all'Italia e un danno ai territori come il nostro». Lo afferma il deputato romagnolo Marco Di Maio (Italia Viva), capogruppo in Commissione Affari costituzionali alla Camera.

«Il Mes è un'opportunità, non una trappola — dichiara il deputato Iv —: il fondo europeo destinato a finanziare gli investimenti dei singoli stati in misure dirette e indirette in ambito sanitario, è uno strumento che all'Italia porterebbe da subito liquidità per 36-37 miliardi di euro, da spendere per migliorare le nostre politiche sanitarie e anche tutto ciò che vi ruota attorno. Di fatto senza condizioni, se non quella di spenderli, appunto, per la sanità. L'Emilia-Romagna godrebbe di un sostegno economico tra i 2 miliardi e i 2 miliardi e mezzo».

In particolare di grande impatto potrebbe essere il beneficio per la Romagna. «Per il territorio romagnolo sarebbe una manna dal cielo. Ad esempio, secondo un'ipotesi verificata con fonti qualificate in ambito accademico — afferma ancora Marco Di Maio — si potrebbero liberare il nostro territorio dai circa 60 milioni di euro in 15 anni che enti locali, fondazioni e privati hanno impegnato per finanziare l'avvio dei corsi di laurea in Medicina e Chirurgia a Forlì e Ravenna».