Famiglia territori elezioni 2022

La Ministra Bonetti a Rovigo: "Pronti nuovi sostegni alle famiglie"

La notizia su "il Gazzettino", 6 settembre 2022.

«Nessun blocco» a Roma per la Zona logistica semplificata Venezia-Rovigo: «La partita sta andando avanti: si attendeva un documento dalla Regione, arrivato venerdì, per completare il dossier. Per questo sulla Zls nei prossimi giorni avremo dettagli maggiori». ha spiegato la deputata Sara Moretto, durante l'incontro elettorale che ha portato a Rovigo la ministra per le Pari opportunità e la famiglia Elena Bonetti

È stato un appuntamento con i candidati di Azione, Italia viva e Partito repubblicano, per presentare la riforma del Family act, con misure come rassegno unico universale. «È una rivoluzione: oggi 6 milioni di famiglie con figli ricevono in media 1.500 euro l`anno per figlio con uno strumento universale e stabile fino ai 21 anni. Per metà di queste famiglie la cifra per figlio è di 175 euro al mese, comprese quelle di lavoratori autonomi, a partita Iva e di professionisti, che prima ne erano escluse», ha spiegato la Ministra.

Tutto questo, ha proseguito Bonetti, «va integrato con incentivi per chi assume lavoratrici e neo mamme, con voucher per baby sitter e lavori domestici, e con ulteriori misure per sostenere i giovani, e cambiare la curva della denatalità in Italia», cogliendo una sollecitazione di Giacomo Bovolenta, candidato nell'uninominale per la Camera.

La ministra si è poi concentrata sulla campagna elettorale: «Siamo l'unica novità, con un progetto liberale, riformista, popolare e saldamente europeista, al contrario della bipolarizzazione che usa lo scontro ideologico per gestire spazi di potere, e che non si occupa dei bisogni concreti di famiglie e imprese: se non fosse così, non sarebbe caduto il governo Draghi».


Bonetti ha aggiunto che «Giorgia Meloni continua a insistere per ricontrattare il Pnrr. Con che risultati? Per fare un esempio: solo per asili nido e scuoce dell`infanzia il Pnrr stanzia 4,6 miliardi e i progetti sono già approvati. Perché impedire ciò che è già autorizzato e finanziato?».

Bonetti è intervenuta anche sull'inflazione da caro-energia: «Lavoreremo su un provvedimento per affrontare non solo i maggiori costi fino a dicembre, ma anche ciò che si profila perii 2023».

Di scuola e sanità ha parlato la candidata Manuela Nicoletti. «Con queste liste d'attesa rischiamo di non essere più un sistema sanitario universalistico, se per ricevere assistenza nei tempi necessari occorre mettere mano al portafoglio». Come Nicoletti, anche Gabriele Galiazzo è candidato al Senato: per lui la priorità è la formazione dei giovani, un obiettivo condiviso dalla candidata al Senato Paola Bergamo: «Serve fare formazione secondo la domanda di lavoro delle imprese. E occorre intervenire sul reddito di cittadinanza perché è mancato l'incontro con il mondo del lavoro».