03/06/20
economia Europa paese

Iv Live Focus, Marco Fortis: "Necessario cogliere le opportunità che l'Europa ci offre"

L'intervento del professor Fortis a Iv Live Focus del 2 giugno 2020. 

“Come nell’ Italia post bellica l’Autostrada del Sole ha permesso alle prime automobili di attraversare il nostro Paese diventando la bandiera del boom economico, oggi allo stesso modo per la ripartenza serve una nuova autostrada del sole, fatta di riforme e ammodernamento”: così sostiene l’economista Marco Fortis ospite di ‘IV live focus’, l'approfondimento in streaming sulla pagina Facebook di Italia Viva.

Il Professore e editorialista del 'Sole 24 Ore' prosegue: “oggi dobbiamo saper cogliere l’opportunità che ci offre l’Europa, che sta mettendo in campo interventi importanti per combattere la crisi e rilanciare l’economia, oggi dobbiamo utilizzare i fondi che l’ Europa ci mette a disposizione per costruire tutte quelle infrastrutture che possano far correre merci, dati, idee, passeggeri lungo l’Italia, dobbiamo insomma far partire e sbloccare i cantieri, qui entriamo nel Piano Shock di Italia Viva, penso per esempio all’urgenza di digitalizzare il Paese, completare autostrade e tratti di ferrovie mancanti’.

“Per cogliere al meglio questa opportunità che ci offra l'Europa però - sottolinea il professor Fortis - non possiamo più permetterci di balbettare con la nostra burocrazia e la nostra giustipudenza illeggibile, con divieti e no, che hanno fino ad ora paralizzato lo sviluppo dell’Italia. La vera riforma di cui abbiamo bisogno è l’ammodernamento della pubblica amministrazione e rendere la giustizia, soprattutto quella civile, più snella, solo in questo modo riusciremo a dare risposte certe e prospettive di operatività rapidissime alle nostre imprese e a quelle straniere che vogliono investire da noi, solo in questo modo possiamo attivare una crescita importante e creare posti di lavoro e reddito”.

Nell'intervista sulla pagina Facebook di Italia Viva il professor Fortis parla anche di quanto sia poco indicato da parte di certa politica agitare in questo momento lo spettro di una patrimoniale per abbattere il debito pubblico “una misura del tutto inadeguata, perché il piccolo risparmio delle famiglie e delle piccole imprese, che generano profitto e producono risparmi in maniera diffusa sul territorio, è proprio quello che banche, fondi e assicurazioni hanno utilizzato in questi decenni per comperare titoli di stato e mettere al riparo il debito pubblico”.

Fortis così conclude: "tra l'altro, così facendo si genera sfiducia e disaffezione nel sistema statale che viene visto come un’ idrovora senza fine che prima ti tassa e poi, dopo che hai messo da parte quel poco risparmio, te lo vuole prelevare”.

Chi lo desidera, può rivedere l'intervista completa a questo indirizzo.