20/06/20
territori regionali

Italia Viva, vertice oggi a Bari con Scalfarotto

Articolo di Michele De Feudis, La Gazzetta del Mezzogiorno, 20 giugno 2020

#maiconEmiliano. È questo l’hashtag che è stato riproposto alla pagina di Italia Viva Puglia, sotto un video nel quale il leader del partito, Matteo Renzi, con una battuta ("ma perché cavolo dovremmo appoggiare Emiliano?") puntualizza la scelta di correre in autonomia dal centrosinistra nelle regionali, formando un fronte riformista con +Europa e Azione di Carlo Calenda.

A Roma, però, il dialogo tra parlamentari dem e colleghi di Italia Viva prosegue. Una fonte del Pd riferisce che "gli eletti renziani sono inclini a una collaborazione, mentre c’è un irrigidimento da parte di Renzi". Il governatore Michele Emiliano - nonostante i renziani siano sul punto di candidature come governatore il sottosegretario originario di Foggia Ivan Scalfarotto - ha proposto a Italia Viva Puglia una collaborazione con la possibilità di avere un percorso di crescita e di responsabilità di governo.

Scalfarotto, intanto, sui social ha condiviso un video sulla legge elettorale pugliese che deve riconoscere la doppia preferenza di genere: nelle prossime ore, insieme a Teresa Bellanova, il sottosegretario incontrerà i coordinatori delle sei province pugliesi nel capoluogo regionale. Il ministro dell’Agricoltura - avvicinandosi al clima preelettorale - è tornata a chiedere all’Alitalia maggiore attenzione e voli di collegamento con il Salento.

Sul fronte dell’allargamento della maggioranza ai Cinquestelle, l’area emilianista rivendica con forza la collaborazione proficua della Regione Puglia con il premier pugliese Giuseppe Conte: l’area parlamentare vicino a Palazzo Chigi del M5S potrebbe alle regionali alimentare uno strappo interno - ipotizzano fonti romane - sostenendo Emiliano in nome della riproduzione degli equilibri giallo-rossi da Roma ai territori (in Liguria si va in questa direzione con il giornalista de Il Fatto Ferruccio Sansa, in grado di saldare l’area giustizialista con il progressismo dem). Emiliano, in queste settimane, ha inoltre rafforzato l’asse con il governo, intensificando i rapporti con il ministro dell’Economia Roberto Gaultieri, perno dell’esecutivo anche per i rapporti privilegiati con Bruxelles e l’Ue.