territori

Italia Viva Lucca: "Gli errori della giunta e del Pd fanno tremare la Fondazione"

La notizia su "la Nazione", 5 novembre 2021.

Anche Italia Viva e i Riformisti intervengono sulle lettera inviata dal Mef alla Fondazione. "Il fondo chiuso amministrato in maniera fiduciaria e senza vincoli dal Coima - si legge in una nota - rappresenta un onere per la Fondazione di circa un milione di euro ad oggi, senza che l'operazione, concordata con il Comune, sia neppure partita. Buona parte della responsabilità è certamente della Giunta Tambellini, che ha garantito, due anni fa, che l'operazione Manifattura sarebbe stata portata a termine velocemente, modificando anche lo strumento urbanistico, per agevolarla. Tutte queste vicende hanno visto il sostegno pubblico, pieno e tronfio del Pd locale. Di fronte alle giuste argomentazioni giuridiche del comitato Salviamo la Manifattura, la Giunta Tambellini si è tirata indietro lasciando la Fondazione CRLucca in mezzo al guado, dopo due anni di promesse e trattative. Per cercare di mettere una pezza sugli errori compiuti, la Giunta Tambellini ha deciso di vendere una parte della Manifattura, quella di più di valore, alla Fondazione stessa, passando attraverso una gara pubblica, a prezzi non di mercato. Grave che una Giunta di sinistra abbia deciso di ignorare le 1400 firme depositate in Regione, raccolte in venti giorni, sostenute anche da noi, per avviare un percorso partecipativo, che la legge regionale prevede, disciplinando i comportamenti che i Comuni debbono tenere".

Secondo Italia Viva, poi, "Il Comune di Lucca è totalmente inadempiente alla legge e il PD tace. La gara indetta dal Comune suscita molte perplessità giuridiche e morali sia per i contenuti del bando, ma anche per le dichiarazioni pubbliche di esponenti della Giunta Tambellini e del PD locale che parlano apertamente di vendita alla Fondazione. Lo sanno che con una gara pubblica in corso esiste il reato di turbativa d'asta? Ormai la Manifattura è una bomba inesplosa e più ci si incaponisce a trovare soluzioni riparatorie più si rischia di vederla esplodere, facendo danni collaterali all'intera comunità lucchese e alla stessa Fondazione".