territori amministrative

Italia Viva Lucca: "Basta schieramenti tradizionali"

La notizia su "la Nazione" e "il Tirreno", 5 settembre 2021

«Chi ha veramente a cuore il futuro della città dovrebbe fare prima di tutto una riflessione sulle promesse mancate, sui fallimenti, le incapacità di dettare l`agenda politica, sulla mancanza di una visione strategica, una lunga stagione amministrativa grigia e incolore». Così i coordinatori lucchesi di Italia Viva Alberto Baccini e Anna Rossi, che, in una nota, lanciano quello che a loro dire dovrebbe essere il nuovo corso della politica lucchese.

«Quando diciamo lunga stagione amministrativa - si legge - ci riferiamo al periodo del centrodestra come a quello del centro sinistra senza distinzione alcuna, dove i veri problemi del territorio sono sempre stati sovrastati dal piccolo cabotaggio della politica, dalla mera occupazione di spazi e da una totale incapacità di disegnare una strategia di lungo periodo; se questi schemi non funzionano più  - prosegue Italia Viva Lucca - bisogna prenderne atto ed agire di conseguenza con un progetto nuovo, per essere realizzati ma che siano capaci di disegnare la Lucca dei prossimi 15-20 anni».

Secondo Italia Viva Lucca, dunque, «assi viari, destinazione del Campo di Marte, Manifattura (ed altri contenitori), stadio, nuova ed efficace sanità territoriale, cultura e turismo, garanzia di futuro alle attività produttive del territorio, sono le questioni da porre in agenda chiamando a raccolta le migliori intelligenze della città».

Conclude lv: «La nostra città merita uno slancio ideale nuovo, una capacità di guardare al futuro che cancelli anni di un`azione amministrativa senza anima e idealità». E, al di là della nota inviata da Italia Viva Lucca, una cosa ci viene confermata proprio da Alberto Baccini. «Non lo nego - afferma l'esponente di Iv - che il nostro obiettivo è quello, a Lucca, di dare vita al terzo polo; basta con gli schieramenti tradizionali che hanno fallito nella politica fatta per la gente».