Ambiente territori

Inquinamento del Sarno, Vitiello: "Subito un tavolo emergenziale e fondi ad hoc"

L'intervento pubblicato dal quotidiano "Roma", 28 agosto 2021.

«L'emergenza Sarno che si sta vivendo in questi giorni riporta all'attenzione dell'opinione pubblica una situazione che già da tempo abbiamo denunciato e portato in Parlamento». Il deputato di Italia Viva, Catello Vitiello, rileva come «In queste settimane la comunità che vive attorno al fiume sta assistendo a un disastro ambientale senza precedenti. Esalazioni, cattivo odore e inquinamento sono solo alcuni degli aspetti più devastanti che vengono denunciati ogni giorno dai cittadini».

«È assolutamente impensabile che paesi come Scafati, Sant'Antonio Abate, Santa Maria la Carità, Pompei, Torre Annunziata e la mia Castellammare - aggiunge Vitiello - debbano essere vittime ogni giorno di una situazione terribile, sottoposti alle esalazioni che arrivano dal corso d'acqua».

«La Regione Campania e il Ministero dell'Ambiente, in collaborazione col Ministero allo Sviluppo Economico, devono attivare immediatamente un tavolo operativo per la soluzione immediata dell'emergenza ambientale che sta investendo un territorio nel quale risiedono migliaia di abitanti - esorta Vitiello - e subito dopo va attivato un piano di recupero che preveda investimenti e interventi per la soluzione di un'emergenza che quest`area non può più tollerare».

«Le conseguenze di quanto sta accadendo al fiume Sarno saranno visibili nell'impatto ambientale sulla qualità della balneazione in tutto il Golfo di Napoli - spiega il parlamentare eletto nel collegio che comprende alcune delle città che si trovano nel comprensorio del Sarno - mentre tante città, come Castellammare, stanno cercando di puntare sul turismo, per uscire dalla crisi che la pandemia ha accelerato». «Questa vicenda rischia di rappresentare per decine di imprenditori un vero e proprio colpo di grazia e l'impossibilità di avere una seria progettualità per il futuro di tutta l'area», conclude il deputato stabiese.