territori il mostro

"Il Mostro" a Firenze. Renzi: "Nel libro non c'è spazio per il vittimismo"

La notizia sul "Corriere Fiorentino", "il Tirreno" e altri quotidiani, 20 maggio 2022.

Dopo un'affollata tappa romana, "il Mostro" arriva a Firenze, prima di proseguire per le prossime tappe.

"Il Mostro" - edito da Piemme, ordinabile on line e acquistabile in tutte le librerie - arriva, dunque, nella città del fondatore di Italia Viva, che viene accolto da un folto pubblico negli spazi antistanti il Mandela Forum. Presenti, naturalmente, esponenti Iv, militanti e simpatizzanti, fra i quali Gabriele Toccafondi, Stefania Saccardi e Titta Meucci, nelle prime file.

Durante la serata, il libro fa da spunto a più ampie conversazioni sui temi dell'attualità, come riportano le cronache locali. Tanti i punti toccati da Renzi, nel suo intervento.

Nel libro, spiega Renzi, "non c'è spazio per il vittimismo". "Ho deciso - prosegue - di combattere a viso aperto", spiegando di aver ricevuto il suggerimento di querelare i pubblici ministeri di Firenze da un ex magistrato. "A Turco - sottolinea Renzi - avevo anche scritto una lettera dandogli che io sono parlamentare e quindi per leggere le chat o ascoltare le conversazioni di un senatore deve procedere secondo le procedure di legge". Eppure, sottolinea, "non viene in mente a nessuno che in questa vicenda ci sono procedure fuori dalla legge? Io li ho denunciati alla Procura di Genova e in soli sei giorni è stata archiviata la pratica, e a quei magistrati ho fatto i complimenti per la solerzia". "Il 25 maggio  - annuncia - mi opporrò all'archiviazione".

Renzi ha, inoltre, ribadito di essere pronto al confronto all'americana con tutti quelli che si sentono tirati in causa dal suo libro: "Faccio nomi e cognomi. Io non sono contro la magistratura. Io non parlo male dei magistrati che mi accusano di reati inesistenti, io li denuncio: uso le armi del diritto".

Un passaggio è stato anche dedicato alle questioni locali. Renzi ha infatti ricordato lo sviluppo dell'Aeroporto di Peretola, rilanciandone l'ampliamento, con la pista parallela all'A11, ed ha a lungo discusso del tema delle prossime elezioni amministrative in Toscana.