Scuola parlamento sanità

Green Pass, Sbrollini: "È l'unica via di uscita dal tunnel del virus"

L'intervista pubblicata da "il Giornale di Vicenza", 23 luglio 2021.

Daniela Sbrollini, senatrice di Italia Viva, fa un esempio: in auto vanno rispettati i limiti di velocità, per se stessi e per gli altri guidatori. Non c'è la libertà di andare a 200 chilometri orari in autostrada. «Ecco, non mi pare che nessuno parli di norma liberticida. Perché il green pass lo sarebbe?».

Il governo ha dato il via libera al green pass obbligatorio. Ha fatto bene?
Certo, questo provvedimento ci vede totalmente a favore: è utile per incentivare le vaccinazioni, per evitare nuove chiusure e per salvaguardare la salute di tutti.

"A me interessa non rovinare la vita di milioni di italiani che ancora non sono coperti dal vaccino": lo ha detto Matteo Salvini. Con il green pass rovinate la vita a milioni di persone?
Con il green pass vogliamo salvaguardare la salute di milioni di persone e il lavoro di milioni di attività. Mi dispiace molto che Salvini assuma posizioni così populiste e irresponsabili.

Il green pass è un provvedimento liberticida?
Io mi sono vaccinata e nel momento in cui dovrò mostrare il green pass non mi sentirò certo violata nelle mie libertà. Si tratta di un atto di responsabilità. Libertà non significa mai avere la libertà di danneggiare gli altri. Il concetto è semplice: più il virus circola più si creano varianti. Con il rischio di mettere in pericolo le persone e di richiudere. Nessuno di noi lo vuole e lo strumento migliore che abbiamo per mettere in sicurezza noi stessi e anche il sistema Paese è il vaccino.

Forza Italia ha presentato un emendamento per rendere obbligatoria la vaccinazione per i docenti. Lei è d'accordo?
Assolutamente sì. Credo che tutti vogliamo evitare di dover ricorrere di nuovo alla didattica a distanza.

Tornando al green pass, avete proposto di renderlo obbligatorio anche per entrare alla Camera e al Senato.
Sì esatto, è così. Dato che chiediamo alle persone di vaccinarsi, mi pare importante che noi parlamentari per primi diamo un segnale e un messaggio chiaro alle persone.

Il presidente della Camera Roberto Fico ha già respinto al mittente la vostra proposta.
Non condivido la sua presa di posizione e lo trovo un atteggiamento grave visto il suo ruolo. Tra l'altro mi piacerebbe sapere quanti nel suo partito sono vaccinati, a partire da Beppe Grillo. Non si possono dare messaggi ambigui e giocare sulla salute delle persone.