Esteri sicurezza antimafia

Garavini: "Anche in Svizzera si estorcono i soldi della protezione"

L'intervista pubblicata dal quotidiano svizzero "Tagblatt", 1 dicembre 2021.

Laura Garavini combatte da 14 anni la mafia. Rappresenta al Senato gli italiani residenti all'estero, anche in Svizzera. In un'intervista spiega come un brutale atto sanguinoso nella zona della Ruhr tedesca le abbia aperto gli occhi, cosa deve fare la Svizzera per non offrire scappatoie alla mafia e perché anche i ristoranti italiani pagano il pizzo in questo Paese.

Le due auto che la polizia ha scoperto nelle prime ore del mattino del 15 agosto 2007 davanti al ristorante "Da Bruno", nel quartiere della stazione ferroviaria di Duisburg sono state crivellate di 54 colpi. Dentro ci sono sei morti. In precedenza avevano festeggiato l'ammissione di una delle vittime, il diciottenne Tommaso V., al clan della 'ndrangheta Nirta-Strangio nel pub. Il sestuplice omicidio segna un nuovo culmine nella sanguinosa faida tra i Nirta-Strangio e la famiglia rivale della 'ndrangheta Pelle-Vottari-Romeo della città calabrese di San Luca. Il pubblico è scioccato dal fatto che l'atto sanguinoso si stia svolgendo nel mezzo della Germania. E trasforma Laura Garavini, italiana residente in Germania, in un'attivista antimafia.

Ha detto che il sestuplice omicidio di Duisburg le ha aperto gli occhi sul fatto che la mafia è saldamente ancorata in una città perfettamente normale della Germania. Cosa è cambiato con Duisburg?
Il terribile fatto di Duisburg è stato un campanello d'allarme. Ha chiarito alle istituzioni tedesche che anche la presenza della criminalità organizzata in Germania dovrebbe essere presa sul serio. In questo senso, questo sanguinoso crimine ha avuto anche conseguenze positive: le autorità e i politici hanno reagito. Insieme alle forze dell'ordine italiane, è stata costituita una task force che recentemente è riuscita ad arrestare i colpevoli di Duisburg ei loro clienti. Anche la società civile ha preso sul serio la sfida. Grazie anche alle attività dell'ONG «Mafia? No grazie!", pochi mesi dopo, insieme alla polizia, fu impedito un tentativo della camorra di prendere piede a Berlino.

Ci sono stati sviluppi positivi a lungo termine dopo il sanguinoso atto di Duisburg?
Sì, molto è successo politicamente e in termini legislativi. In risposta alle pressioni della società civile, il Bundestag ha approvato la direttiva dell'UE sulla lotta alla criminalità organizzata. Di conseguenza, la normativa è stata adattata, ad esempio per semplificare il riconoscimento delle sentenze dei tribunali di altri paesi per la confisca dei beni mafiosi in Germania. O il riciclaggio di denaro. Ciò ha migliorato la legislazione in quei settori che si sono rivelati particolarmente centrali nella lotta alla criminalità organizzata.

Il Consiglio federale ha recentemente ammesso che «la presenza e l'attività delle organizzazioni mafiose in Svizzera sono state sottovalutate negli ultimi decenni». Secondo lei cosa dovrebbe fare la Svizzera a riguardo?
Il modo più efficace per combattere la mafia è confiscarne beni e fondi. Questo mostra l'esperienza in Italia. I membri della criminalità organizzata possono convivere con l'andare in prigione. Finché le strutture restano fuori, i mafiosi possono decidere su questi fondi dal carcere. Quindi il loro potere rimane. Se si confiscano i loro beni, si toglie il potere alla mafia.

Quali conclusioni concrete dovrebbero trarne i politici svizzeri?
Ha senso creare leggi con le quali si possono prelevare fondi dalla criminalità organizzata, compresi quelli che sono stati guadagnati all'estero. Perché la mafia fa fluire i suoi soldi in quegli Stati dove ha meno paura della confisca.

Quanto ha danneggiato fino ad oggi l'inerzia della Svizzera, anche in Italia, nella lotta alla mafia?
La criminalità organizzata opera a livello globale. Per combatterla con successo, sono necessarie una stretta cooperazione internazionale e leggi il più possibile armonizzate a livello internazionale. Perché, come dicevo, la mafia ha imparato a portare i suoi guadagni dove le è più facile.

Ed è così in Svizzera?
È il caso di tutti i Paesi che ritengono di non essere interessati dalla criminalità organizzata, che sottovalutano il fenomeno o non aggiornano la propria legislazione. Sono tutti sfruttati dalla mafia.

È uno svantaggio che la Svizzera non sia un paese dell'UE?
Anche la lotta alla criminalità organizzata è importante e fattibile in un paese extra UE. Ma poiché non è coinvolta in tutti gli organi e linee guida relativi all'UE su questo tema, è tanto più importante che la Svizzera sia consapevole del problema e agisca di conseguenza, anche di propria iniziativa. Fondamentali sono anche investigatori sufficientemente specializzati che possano garantire l'importante cooperazione internazionale.

Gli italiani in Svizzera fanno parte del vostro collegio elettorale. È preoccupata per la presenza della mafia in Svizzera?
In ogni caso. Lo noto ancora e ancora. La comunità italiana in Svizzera e le sue organizzazioni hanno già segnalato il problema in numerose manifestazioni. Al contrario, sarebbe sbagliato ritenere la comunità italiana responsabile della presenza della criminalità organizzata in Svizzera. Questo assume forme molto diverse e ha sfondi molto diversi.

L'ONG «Mafia? No grazie!" ha supportato i ristoratori italiani in Germania nella difesa dal racket. Succede anche in Svizzera?
Non sono a conoscenza di casi individuali specifici in Svizzera, ma questo non significa nulla. L'estorsione del pizzo in particolare è un fenomeno che spesso non viene alla luce. Né i ricattatori né i ricattati hanno interesse a farsi notare. Questi ultimi per timore di possibili “azioni punitive” da parte dei ricattatori. Dobbiamo quindi presumere che anche in Svizzera venga estorto il pizzo. Apprezzerei quindi se progetti simili a «Mafia? No grazie» sorgessero anche in Svizzera.

Cosa può fare la comunità italiana in Svizzera per combattere la mafia?
La comunità italiana in Svizzera ha il dovere di segnalare anche il minimo sospetto di attività mafiose. È estremamente importante. Inoltre, dovrebbe sensibilizzare attivamente i suoi membri e l'intera società svizzera sull'argomento.

E cosa può fare l'intera società svizzera in questa lotta?
La società svizzera dovrebbe prendere sul serio la questione mafia e non banalizzarla. Ci vuole un occhio vigile e la volontà di segnalare i sospetti. Sfortunatamente, c'è la tendenza a vedere la mafia come qualcosa di eccitante, affascinante, cool. È il contrario. La mafia è qualcosa di terribile, brutto. Quelle aziende che praticano questa banalizzazione non dovrebbero essere supportate. Ad esempio, boicotterei un ristorante che gioca con l'estetica mafiosa.