parlamento fisco

Fisco, Conzatti: "Clausola di neutralità per salvare le Province. Il pericolo è scampato"

L'intervento pubblicato dal "Corriere del Trentino", 30 dicembre 2021.

La senatrice di Italia Viva, Donatella Conzatti, parla di uno "scampato pericolo". Il taglio di Irpef e Irap a livello nazionale poteva essere devastante per le casse provinciali: "Per la prima volta nella storia siamo riusciti a introdurre nella Legge di Bilancio la clausola di neutralità. Un risultato di una portata dirompente".

I minori gettiti saranno ricompensati: "l'emendamento lascia alla negoziazione fra Autonomie e Governo la definizione degli importi". "Siamo tutti favorevoli al primo tassello di una riforma fiscale che l'Italia attendeva da anni - spiega la senatrice Conzatti ai suoi sostenitori raccolti al Grand Hotel Trento, per gli auguri di fine d'anno - un passo avanti apprezzabile, in direzione riformista".

"Ma se i tagli a Irap e Irpef per un valore di 8 miliardi fanno piacere a tutti, fanno meno piacere alle nostre casse pubbliche, perché come sappiamo - ricorda Conzatti - se cala la tassazione calano le entrate fiscali del bilancio provinciale".

Va ricordato che le Province di Trento e Bolzano sono titolari di una quota di gettito Irpef riferita al proprio territorio, nella misura stabilita dallo Statuto e dalle norme di attuazione: "Nello specifico, alle Province di Trento e Bolzano spettano nominalmente i nove decimi. Le entrate che i contributi erariali assicurano a ciascuna provincia - sottolinea Conzatti - finanziano le funzioni attribuite alle Province dallo Statuto di Autonomia e pertanto sono necessarie ed essenziali. Con quei soldi, la Provincia paga i servizi, le scuole, gli ospedali - osserva la senatrice - e quindi una diminuzione delle entrate avrebbe significato un grave ammanco".

Da qui l'idea, condivisa con la Svp, di un emendamento alla Legge di Bilancio nazionale che potesse introdurre la clausola di neutralità finanziaria: "Ci siamo dovuti attivare noi a livello parlamentare - sottolinea la senatrice - perché non è intervenuto nessuno prima che la legge fosse depositata. Con l'emendamento abbiamo risolto una questione finanziaria non da poco: verremo rimborsati dei minori gettiti e la quantificazione sarà determinata in modo pattizio così come prevede lo Statuto di Autonomia". 

"Un grande risultato finanziario ma anche giuridico — rimarca la senatrice — una clausola di neutralità che mai prima d'ora era stata inserita in legge. Un passo avanti dirompente".

I conti dello «scampato pericolo» sono presto fatti: "La riduzione dell'Irpef avrebbe causato un minor gettito per la Provincia autonoma di Trento stimato sul 2022 in 130 milioni e tra i 150 e i 160 milioni dal 2023. Questo calo è sta-to scongiurato proprio grazie a questo emendamento approvato, emendamento — afferma Donatella Conzatti — che ho fortemente voluto".

"La norma approvata —spiega nel dettaglio la senatrice — prevede che, per compensare la riduzione del gettito della compartecipazione Irpef, gli importi spettanti a ciascuna Autonomia siano accordati e definiti con un decreto del Ministero dell'Economia e delle Finanze sulla base di un'Istruttoria a cui partecipano anche le autonomie speciali".

"Per l'Irap, a partire dal gennaio 2022 - conclude Conzatti - essendo invece un'imposta regionale il fondo di compensazione minori entrate è stato già definito e ammonta a oltre 12 milioni di euro per la Provincia di Trento".