parlamento sanità

Fine vita, Parente: "Vicina alla famiglia di Federico Carboni, ora portiamo la legge in Aula"

La notizia su "la Stampa" e altri quotidiani, 17 giugno 2022.

"'Finalmente posso volare'. Sono queste le parole che Federico Carboni, conosciuto come Mario, ha pronunciato prima di premere il pulsante per iniettarsi il farmaco letale. Le sue parole mi hanno profondamente colpita e sono vicina a tutta la sua famiglia che ha sopportato e subito un lungo calvario non degno di una società civile". Questo il commento della senatrice Annamaria Parente, presidente della commissione Sanità di Palazzo Madama, alla notizia del primo suicidio assistito effettuato in Italia.

"Ora è necessario affrontare senza mezzi termini l'iter della legge sul fine vita che è in discussione al Senato - prosegue la senatrice Parente -. Bisogna dare ai cittadini la certezza che le decisioni che la Corte costituzionale ha rinviato al parlamento per regolamentare la legge già approvata alla Camera trovino finalmente una risposta. I cittadini devono poter scegliere liberamente e il nostro dovere di rappresentanti delle istituzioni consiste nel fornire i giusti strumenti regolamentati dalla legge".

"Ho più volte affermato che non intendo subire ostruzionismi di natura politica e come presidente della commissione che si occupa di questa legge voglio votarla in Aula entro l'estate", conclude la senatrice di Iv.