Ambiente territori amministrative

Ferri: "Carrara capitale del green"

L'intervento su "il Tirreno" e "la Nazione", 16 maggio 2022.

Fare di Carrara la capitale dell'ambiente e dello sviluppo Green: è questa l'ambiziosa sfida del candidato sindaco Cosimo Ferri. «Sarà un grande progetto di innovazione, necessario a una città che vuole recuperare il suo ruolo con uno scatto sociale e culturale che deve proiettarla fra le comunità più moderne».

Ferri assicura che il tema delle energie rinnovabili sarà la stella polare del suo mandato amministrativo: «Nei primi 100 giorni lanceremo la costituzione di una Comunità Energetica nella quale il Comune sarà partner, così come prevede la nuova normativa, creeremo un dipartimento per la transizione ecologica all'interno dell`Amministrazione Comunale ed un Assessorato specifico».

Cambiano le prospettive e dunque, secondo il candidato, è necessario un cambio di passo anche nel metodo dell'agire amministrativo che deve orientarsi su obiettivi precisi e misurabili, attuabili in un limite temporale preciso: in gergo, Smart. «Una città può essere definita Smart quando gli investimenti in capitale umano, sociale, in infrastrutture e tecnologie di informazione e comunicazione, generano uno sviluppo economico e culturale sostenibile per contribuire alla qualità della vita nello spazio urbano».

Un impegno ambizioso, a partire dal confronto con tutti gli operatori e le realtà del territorio e dall'adeguamento del piano paesaggistico alle nuove sfide degli investimenti nel Green. «La nostra visione di Smart city si realizzerà con azioni che comprenderanno mobilità, ambiente ed energia, qualità edilizia, economia e capacità di attrazione di intelligenze e investimenti, tenendo sempre al centro la partecipazione e il coinvolgimento delle cittadine e dei cittadini di tutte età».

Nell'ottica della città sostenibile, Ferri punta sulle comunità di energie rinnovabili (Cer), in sinergia con le Associazioni ambientaliste e comunque con tutto l'associazionismo locale. Le Cer serviranno ad abbassare i costi dei consumi andando incontro alle famiglie in difficoltà in un momento di congiuntura sfavorevole. «In Parlamento io mi sono occupato di queste progettualità che consentono ai Comuni di essere partner e quindi di stimolare protocolli con l'associazionismo locale: mi auguro di averlo mio fianco per costituire subito, se dovessi essere eletto sindaco, una comunità energetica in questo Comune», conclude.