18/06/20
territori enti locali

Enti locali, abolizione commissioni consiliari permanenti: l'interrogazione di Migliore e Bendinelli

L'iniziativa dei parlamentari di Italia Viva, Gennaro Migliore e Davide Bendinelli, sul "Corriere di Romagna", 18 giugno 2020. 

«Un atto molto grave, adottato per annientare la partecipazione democratica e umiliare il ruolo della minoranza e la possibilità di controllo». Arriva sui banchi della Camera la decisione della maggioranza di centrodestra che governa il Comune di Predappio, in provincia di Forlì-Cesena, di «abolire il carattere permanente delle commissioni consiliari dal regolamento del Consiglio comunale». La questione è stata segnalata al ministro dell'Interno e al prefetto dall'opposizione e i parlamentari di Italia Viva Gennaro Migliore e Davide Bendinelli presentano una interrogazione segnalando che «l'eliminazione del carattere permanente delle commissioni consiliari rischia di annullare l'unico luogo vero di approfondimento, ma anche di dialogo e democrazia necessario alla preparazione del Consiglio comunale».

Si tratta dunque di una decisione «illegittima, in quanto la modifica del carattere permanente delle stesse si pone in evidente contrasto con lo stesso statuto comunale». Invece la maggioranza, «con un'interpretazione forzata di una diversa disposizione del Testo unico non certamente riferibile alle commissioni consiliari, senza nulla aver concordato e in contrasto con lo stesso statuto comunale, ha deciso che d'ora in avanti per le commissioni consiliari si deciderà ogni anno a maggioranza semplice, se mantenerle o meno». Di fronte a tale «irragionevole scelta» si è «spaccata», concludono i due parlamentari chiedendo «iniziative di competenza, in particolare di carattere normativo, al fine di evitare scelte che appaiono in contrasto con il testo unico sugli Enti locali» e «lesive dagli stessi principi di partecipazione democratica all'interno del Consiglio comunale».