Matteo Renzi Enews

Enews 745, giovedì 28 ottobre 2021

L'Enews della settimana.                        

Clicca sul banner per donare il tuo 2x1000 a Italia Viva!

Sul DDL Zan si è consumato un disastro politico, gestito con totale incapacità dal PD di Enrico Letta, che prima ha fatto un’apertura in TV e poi ha deciso di andare al muro contro muro, giocando una partita ideologica sulla pelle delle persone. E naturalmente perdendola, come era chiaro per tutti quelli che conoscono il Senato, la politica e, soprattutto, la matematica. Si è consumata una figuraccia della classe politica, incapace di dire parole chiare sui diritti civili, tornando indietro di vent’anni: noi siamo quelli che hanno messo la fiducia sulle unioni civili, loro quelli che hanno affossato il DDL Zan. E si è consumata la consueta aggressione verbale contro Italia Viva, portata avanti da PD e Cinque Stelle che - incapaci di portare a casa il risultato - cercano alibi e colpevoli, dando la colpa a noi. Pensate che vengono rilanciate sui social le richieste di andare sotto le sedi di Italia Viva: questa è la lezione democratica di chi voleva una legge contro l’odio. Più ci penso, più mi domando come sia stato possibile per PD e Cinque Stelle un suicidio politico di questo genere. Tutti sapevano che il provvedimento non sarebbe mai passato a scrutinio segreto. E i numeri dimostrano che tutti i gruppi hanno avuto DIVERSI franchi tiratori. Ho detto quello che penso in questo video

*

Il Consiglio dei Ministri ha approvato la Legge di Bilancio. Non tutto ci convince, ma non parteciperemo all’assalto della diligenza di chi fa polemica contro il Governo: noi sosterremo lealmente tutte le scelte di Mario Draghi. Tra le cose che considero molto positive, la posizione del Premier sulle pensioni, contro l’asse Salvini-Landini: questo è un Paese nel quale la classe dirigente è abituata a indebitare i figli, i nipoti, le generazioni successive. Basta con questo atteggiamento volto a pensare solo ai garantiti e non ai giovani. L’ho scritto qui.

*

La Leopolda quest’anno sarà più calda che mai. Dal 19 al 21 novembre, trasformeremo il palco della vecchia stazione in una straordinaria stazione radio. Chi ha voglia di darci una mano economicamente per organizzarla può contribuire qui. Chi ha voglia di darci idee sulle storie che vorrebbe sentire dalla stazione radio Leopolda può scrivere a questo indirizzo. Chi ancora non si è iscritto, non perda tempo, qui il link.



 

Un sorriso, 


P.S.
Vi consiglio di seguire questa bella iniziativa di Davide Faraone, da domani per due giorni a Palermo, con tanti ospiti qualificati e tanti giovani capaci. Bravo Davide. E ti mando un abbraccio per il tuo papà.