territori donne

Doppio femminicidio a Vicenza, Sbrollini: "Vittime lasciate sole"

L'intervento pubblicato da "il Giornale di Vicenza", 9 giugno 2022.

Un grido contro la violenza sulle donne, una carezza e un abbraccio simbolici alle famiglie delle vittime. Ci sarà tutto questo nell'iniziativa organizzata per questa sera, giovedì 9 giugno alle 19 in piazza dei Signori. Il Comune di Vicenza e l'associazione Donna chiama donna che gestisce il Centro antiviolenza di Vicenza e lo sportello di Arzignano invitano i cittadini a partecipare al momento di raccoglimento per reagire al duplice femminicidio che si è consumato ieri in città. Un caso che ha provocato un'onda di indignazione, con la consapevolezza che sul fronte del contrasto alla violenza sulle donne ancora molta strada debba essere percorsa. Tanto che l'appuntamento è stato organizzato e comunicato dal Comune nel giro di poche ore dopo i tragici eventi, per poi circolare in modo virale sui social. Quanto accaduto ha suscitato profondo turbamento. 

«La pazzia e la cattiveria - è la posizione della senatrice di Italia Viva, Daniela Sbrollini - non possono giustificare quanto è successo. Non si riescono a fermare queste stragi che hanno origine in una povertà educativa ed affettiva, dove l'amore si confonde con il possesso».

La parlamentare Iv punta il dito sull'attuale legge che «va modificata» e fatta applicare «in maniera concreta. La prassi burocratica lascia troppe libertà proprio agli aguzzini. Le vittime invece sono praticamente lasciate sole a se stesse».